Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vista sul golfo di T...
Nebbie...
Val d’Ultimo....
Dolce luna...
RISURREZIONE E S...
Haiku 12...
Chi pur nell'ira la ...
Cielo incommensurabi...
Il Consenso...
I capricci della scr...
Il lento fluire del ...
LUNA...
Un tempo...un mondo....
Punti di vista...
Come un randagio...
Post meridiem...
SCRIVERE LIBERA D...
PROGETTO ESTETICO (C...
Le chiavi del paradi...
GROVIGLI DI SOSPIRI...
NeRA...
La realtà percepita ...
Haiku...
La calunnia...
A TUTTE LE DONNE...
L\'unica verità...
Questo è il Natale...
GENTILEZZA...
IL MITE PORTINAIO...
Conserviamo la genti...
HAIKU 1...
Femminicidio...
Far del giorno...
La luce vince l'ombr...
GRIDARE MI FA BEN...
Scegli la Vita...
Sole o pioggia?...
Se le persone dedica...
DOVE FINISCE IL CIEL...
C'era una volta il r...
Colmi...
Un sogno anelato...
Le domande di Nicola...
Dove tutto ebbe iniz...
n° 28 (R/P)...
Oggi scrivo di te...
Il green pass cultur...
La malinconia è una ...
Ci sono sogni che mu...
Leggera...
Qual è la nazionalit...
Altrove ......
IL TEMPO FATTO ...
La panchina di front...
Un solo attimo...
Poi...
Guardo l'acqua......
L'altra metà del Cuo...
Lunghe passeggiate t...
Anima mia...
Creare, immaginare, ...
L'attimo dopo...
Sul bordo di un terr...
Gino...
PROGETTO ESTETICO (C...
Il mio tempo...
n° 24 (R/P)...
Una sera in Plaza de...
Ci amavamo...
nulla...
Ignoto pensiero...
Le tue parole...
Luminarie ingannatri...
Non voglio che il tu...
IL TEMPO...
Rattoppo...
UNA LETTERA MAI ...
Riscalda o sole!...
PUNTO E A CAPO...
Un giorno...
È stato un attimo ...
Il tuono...
L'alba ramata...
Il pianto di un bimb...
In Aspromonte...
Al tempo dei sogni...
LEGGERE...
Brividi...
In un lento fluire d...
Non spaventarti...
LA NOTTE MIA ALLEATA...
La vita è più forte ...
Ocra...
Diva...
QUEL CHE RESTA ...
Nomination...
C'e' un posto specia...
I ricordi....
Tempesta...
Questa felicità...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



la luce del Natale attraverso i miei occhi

Oggi, ho guardato la luce del Natale attraverso i miei occhi, brillavano di piccole faville, pensieri, e si immergevano nei ricordi, lasciati al gelo di una lacrima, sospesa ai gesti inermi di un sentiero. Sembrava che tutte le incoerenze, abbracciate al sapore della tristezza che, ancora, si deve affrontare in questi giorni. Non era tutto tranquillo nel cuore, pensieri di gioia si alternavano alle giornate ancora da vivere per assaggiare i piccoli enigmi di una verità ancora da sapere. Quelle luci a intermittenza, lasciavano spegnere le emozioni di un periodo difficile, fermati attimi di infinita solitudine. Ecco, guardando i giorni, ho scrutato un verbo che ad ogni situazione guariva le parole, rinchiuse nello scrigno della vita. Quanta fatica! Quanta fatica a renderle migliori, le onde della marea agitavano l’anima ad ogni scroscio di pioggia. Bisogna avere fede di speranza per abbracciare gli attimi distanti in un periodo difficile da affrontare. E tu, vecchio, nella mia scrittura di ieri, hai lasciato una riga sopra ogni arrancato pensiero! Potessi ignorare i tempi del disgelo, il dolore ogni altra sorte, camminare tra i passi di un freddo fiume di acque gelide d’amore… Dorme la notte in ogni ombra di poesia, alle strade deserte del vivere comune, alla perplessità di ogni istante perso per coerenze. Tutto si ripete, ogni piccolo gesto di fede dietro una nenia di speranza, pioggia bagnate nella sere della speranza. Piccoli spazi appesi di felicità remota, colorano i bisbigli silenziosi di un passato- recente di ieri, quando a scrivere le pagine di vita, era la voglia di vedere, dietro ogni oltre …il sole. Il Natale, colorate emozioni, ricercate sensazioni di bianche giornate di neve, in uno scenario, ove lo sguardo ammirava il bello! Quel bello, che si rispecchiava negli occhi del mondo immersi nei miei. Adesso tutto è relativo, si aspetta qualcosa che deve esserci dietro un orizzonte di luce, ove i pensieri ricorrano ai migliaia di domani nel buio. Sì, ho guardato l’immenso, nell’incavo di un diario di niente. Cosa sarà di noi? Ogni tanto si riesce a dare poco, si ritorna a guardare l’intermittenza di luci colorate che si spengono di gioia, per riaccendersi, poi, di un copione e di una maschera nell’ atto più delicato del dare amore. Un uomo porta a casa il suo albero, addobbato di pensieri che si rinchiudono nella valigia, pesante, dopo un lungo sentire, ne ricava del suo dare, poca e felice tristezza.



Share |


Opera scritta il 15/12/2020 - 16:03
Da Maria Rosaria Bottigliero
Letta n.297 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Cosa sarà di noi? Forse continueremo a brillare negli occhi di chi ci vuol bene.
Complimenti Maria Rosaria. È sempre emozionante leggerti

Daniela Cavazzi 15/12/2020 - 20:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?