Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In un filo di voce...
IN INGHILTERRA È IL ...
Scusami......
Caramelle...
ILLUSIONE INTRISA ...
Il finto autunno...
Dadi e fortuna....
Nonsense...
Anima potente...
Spazio-Tempo....
La stanchezza nascon...
Quando sarai lontana...
Gelo...
Per questo mi batter...
Pani e pesci...
Le Notti di Elisa -n...
Castel Toblino...
Violata...
TORNA IL NATALE...
Una rosa, un sorriso...
Come rugiada...
Occhi...
E' mistero...
A spasso di notte tr...
Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Subliminale...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...
Bella Napoli...
Mi chiamo Giufà...
Pioggia rigenerante...
A fine turno (il mac...
Cala la notte nella ...
Pece...
Donna...
4:50...
Io sono il poeta...
Rosario a Siliqua...
Falce di Luna...
Nel tempio dell'anim...
Sonni troppo profond...
L'invito...
L\'ARROGANZA DEL COR...
La magia del circo...
Una vecchia topolino...
Perdersi le sfumatu...
Cieli diversi sulla ...
Sentieri d’autunno ...
TROVARE L' AMORE...
UN TUFFO NEL PASSATO...
Nuvole...
MARE D'AUTUNNO...
Magari...
Eri bella...
VIAGGIO DI LAVORO...
Miravo....
Incantesimo occident...
Haiku 93...
L'anima arranca...
BEA...
QUEGLI ABBRACCI CHE ...
L'anima arresa...
Non c'è più sangue n...
Gocce...
...lacrima...
Campo di basket...
Oltre questo paradis...
ALLA SUOLA...
'O PRESEPE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Don Gesualdo 3

Quarantenne, agricoltore
Don Gesualdo sposa Sara.
Matrimonio di poco durata
Sara dopo due anni muore di parto
e lascia una bimba di nome Gina
ancora da fasciare.
Don Gesualdo tramite un'agenzia
assume una badante con un figlio decenne, Giulio.
Veloce correva il tempo
cancellando epoca e traccie del passato.
Gina cresciuta in bellezza si diploma
e Giulio si laurea agrario.
Tina era un tutto fare nel casolare
e Don Gesualdo si godeva
tutto affezionato la famiglia
fin quando una domenica mattina
la loro sorte girò all'inverso.
Una mattina Don Gesualdo
non era presente alla solita colazione.
Tina incuriosita bussò la porta
ma Don Gesualdo non rispose.
Subito chiamò Gina e poi Giulio
e insieme aprirono la porta.
Videro Don Gesualdo con un braccio fuori dal letto
senza alcun segno di vita.
Finì così inaspettatamente la sua permanenza.
Gina diede a Giulio la responsabilità
della campagna, il casolare e alcuni dipendenti.
Mesi dopo emerge il destino dei superstiti.
Giulio sentì il desiderio di avere una compagna
ma nel suo pensare c'era sempre Gina.
Una sera Giulio rientrò tardi al casolare.
Gina di nascosto e di proposito
aspettò che Giulio entrasse in camera
e senza alcun riguardo spalancò la porta
e nessuna parola.
Molto alterato Giulio esclamò:
"Non si usa più bussare la porta signora padrona?"
Gina con voce fioca rispose:
"Perché ostinarci, non hai ancora capito?"
E al quel punto Giulio avvicinandosi a Gina
la strinse forte al petto e la coprì di baci
e rimasero così aggrovigliati come la vite tra i pampini.



Share |


Opera scritta il 05/09/2021 - 18:46
Da Salvatore Rastelli
Letta n.231 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?