Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In un filo di voce...
IN INGHILTERRA È IL ...
Scusami......
Caramelle...
ILLUSIONE INTRISA ...
Il finto autunno...
Dadi e fortuna....
Nonsense...
Anima potente...
Spazio-Tempo....
La stanchezza nascon...
Quando sarai lontana...
Gelo...
Per questo mi batter...
Pani e pesci...
Le Notti di Elisa -n...
Castel Toblino...
Violata...
TORNA IL NATALE...
Una rosa, un sorriso...
Come rugiada...
Occhi...
E' mistero...
A spasso di notte tr...
Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Subliminale...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...
Bella Napoli...
Mi chiamo Giufà...
Pioggia rigenerante...
A fine turno (il mac...
Cala la notte nella ...
Pece...
Donna...
4:50...
Io sono il poeta...
Rosario a Siliqua...
Falce di Luna...
Nel tempio dell'anim...
Sonni troppo profond...
L'invito...
L\'ARROGANZA DEL COR...
La magia del circo...
Una vecchia topolino...
Perdersi le sfumatu...
Cieli diversi sulla ...
Sentieri d’autunno ...
TROVARE L' AMORE...
UN TUFFO NEL PASSATO...
Nuvole...
MARE D'AUTUNNO...
Magari...
Eri bella...
VIAGGIO DI LAVORO...
Miravo....
Incantesimo occident...
Haiku 93...
L'anima arranca...
BEA...
QUEGLI ABBRACCI CHE ...
L'anima arresa...
Non c'è più sangue n...
Gocce...
...lacrima...
Campo di basket...
Oltre questo paradis...
ALLA SUOLA...
'O PRESEPE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Come foglia...( Poesia catartica)

Depresso, e cadere mi sento
come foglia che lascia il suo ramo
mai più potrò dirti: ti amo
sono preda d'un grande tormento.


Lo so, sto toccando il mio fondo
e l'ansia mi dice che tutto è finito
non tocco più il cielo col classico dito
mi gira la testa nel gran girotondo.


Ormai son finito, chiudo i miei occhi
penso alla vita che mi sta lasciando
tu stretta alle braccia del giovane Armando
delle campane io sento i rintocchi.


La paura mi assale, ormai non respiro
di un sano spinello farei qualche tiro
mi guardo le mani, purtroppo son vuote
soltanto un gran vento le membra mi scuote.


E mentre i ricordi mi assalgono tutti
ci sono i più belli ci sono i più brutti
pronuncio parole che sembrano mute...
perché non s'è aperto il paracadute?




Share |


Opera scritta il 29/05/2022 - 07:34
Da Alex Sandrini
Letta n.182 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Una poesia giocosa, ma palesa che scrivi bene e hai una gran bella fantasia.
Grazie

Marina Assanti 30/05/2022 - 13:58

--------------------------------------

Grazie Marina...anche se, onestammente, va detto che è un gioco più che una poesia. Infatti è del genere catartico, vale a dire con sorpresa( battuta a mo' di barzelletta) finale. maestro di questo genere è Flavio Oreglio( vedere su you tube)...poi io c'ho messo della rima, ma insomma è pur sempre un plaisir, come dicono in Francia.

Alex Sandrini 30/05/2022 - 13:43

--------------------------------------

Mi è piaciuta molto.
Assai ben scritta.
Complimenti

Marina Assanti 29/05/2022 - 20:39

--------------------------------------

Simpatica con una rima garbata ed appropriata. Bravo

mario Righi 29/05/2022 - 17:29

--------------------------------------

Grazie Anna...le poesie catartiche sono così...surreali, con una battuta finale che ribalta tutto, che spiazza...grazie.

Alex Sandrini 29/05/2022 - 15:54

--------------------------------------

Interessante!! Tra lo sgomento e l'ironia!!

Anna Cenni 29/05/2022 - 11:13

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?