Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vita...Io no, ti ass...
Ribelli sulla luna...
L'Anima è la capacit...
Puoi avere qualsiasi...
Non sempre l’egoismo...
Amori estivi...
Agosto senza te...
Progresso...
Nel giardino delle f...
CASTITA'...
Attesa...
Torna sereno...
Ha pianto...
Malinconica nostalgi...
PRESOLANA ATALANTINA...
Capita a volte che u...
Argento e foglie...
farfalle bianche...
E' da tanto tempo ch...
Il morso della taran...
Donna in amore...
Pensiero in sul meri...
POETA E' UN AL...
Soltanto te...
Il mio, il tuo capol...
IMMENSITA' D'AMORE...
Nero Fumo...
Ma tu lo sai...
HAIKU A...
Per la Giornata Mon...
ASSENZA DEI SOGNI...
A quegli amori...
HAIKU F...
Ti cerco...
I pensieri alle port...
IN GIARDINO...
PENSIERI PER UN...
Fumo oltre il leccio...
RITROVERO' L'AMORE M...
Passione...
La forma dell'acqua...
Finestra sul mondo...
Il coraggio non è as...
Fuggire...
L'Antica Osteria...
Che vitaccia!...
Gentili … miraggio e...
800...
Visioni luci e ombre...
Sarò nel silenzio di...
Inquietudine...
Vimini...
Il Clown...
Non andare...
La terra e l'uomo...
Brucia la terra...
COSA CI FACCIO ...
IL SAGGIO MAESTRO...
Bello dentro...
QUELLI COME LORO...
Non solo d'anima il ...
Povera Sardegna...
I COLLI PIACENTINI...
La mia estate...
Segnali di fumo...
LA MIA STRADA...
Poeta anonimo...
Delfi...
Come bótte (Non sono...
Il Colombo...
Solo questa sera...
Un ricordo...
Chiamami con il mio ...
FIORE ALL’ OCCHIEL...
Scrivo...
Sei arrivata tu...
I NOSTRI FRATELLI P...
Alla mia cara luna...
Lo scatto immortale...
Il finale insegui...
Si è veramente giust...
HAIKU E...
Nuovi raggi di sole...
Abbiamo regalato due...
RIFLESSI...
Dissolvenza...
PENSIERI CHE VOL...
Il Girasole Rubato...
CUORE SENSIBILE...
IL TRIONFO DELLA COS...
Noi...
Monoblocco...
Esse...
Novello Icaro...
Navigare...
Il piacere nel goder...
San Lorenzo...
Notti d'Orione...
Tra le parole che no...
Ogni volta che mi ba...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Ora basta!

Non avevo ancora dieci anni, quando per la prima volta su un foglio bianco scrissi: “Caro Diario, mi chiamo... ” ed ora a casa mia ci sono scatoloni pieni di carta e parole.
Ho scritto favole, racconti, descritto intere giornate da adolescente, da figlia, da amante. Ho confessato paure nascoste, desideri espressi e mai avverati, ho pianto scrivendo e sorriso rileggendo.
Un uomo conosciuto in una chat, dopo aver letto qualcosa scritto da me mi disse:
“Fatti leggere.” Mi trovò un sito di scrittura dove per una settimana lessi tutto ciò che vi passavano, qualcosa mi colpiva, altro no ma quel “ ...Fatti leggere..” mi suonava in testa! Trovato il coraggio, scrissi, pubblicai e lessi i primi complimenti e critiche.
La voglia di conoscere chi era stato colpito nel bene e nel male da ciò che scrivevo era sempre più forte: mi sono sentita bene, meno sola, invogliata a scrivere sempre di più. Ho capito di non essere speciale ma comunque fiera del mio scrivere.
Ho assaporato il piacere di prendere un caffè con un poeta, un vulcano di emozioni. In lui ho letto la voglia e la necessità di scrivere per vivere meglio, per sfogare la rabbia e la delusione. L'ho ammirato per come ogni emozione della sua vita riusciva a metterla su carta, fino a farmi rimanere senza fiato. Ricordo l’entusiasmo del suo primo libro ed i preparativi del secondo: felice per lui dicevo a me stessa che non sarei mai riuscita a scrivere ai suoi stessi livelli, ma potevo leggerlo ammirandolo.
Un giorno, non tanto tempo fa, ho ascoltato frasi del tipo: “Non scrivo più, la mia famiglia ha bisogno di me, la scrittura ha rubato loro troppo tempo!” oppure “Ora basta,la scrittura non è vita. Ho buttato il mio libro nel cassonetto... è arrivato il momento di vivere!”


Ora basta?


Sì è vero, basta con questo giocare con la vita e con la scrittura che ne fa parte.
Perché rinnegare quella voglia e bisogno che si ha di descriversi, di raccontarsi, inventarsi e mettersi in gioco?
Perché cornificare?
Perché alzarsi una mattina e decidere che la Signora Scrittura non ti provoca più i brividi di una volta ed andare a cercare altro?
Perché cercare un amante, quando per anni hai avuto una compagna fedele che ogni giorno è stata disposta a cambiare abito per eccitarti sempre un po’ di più?
Perché dare la colpa ad un arte che si ha dentro da sempre?
Perché dare a lei la colpa se la propria vita sentimentale non è delle migliori o se, per mancanza di organizzazione scrivete quando invece dovreste fare l’amore con vostra moglie?
Perché non scrivere più per scelta, e poi dire a chi ancora lo fa, che non sono originali e che è da stupidi alzarsi e pubblicare ciò che si è scritto, per il semplice gusto di farlo? Perché?


Ora basta!


Dico a tutti voi poeti che se non volete più scrivere perché le vostre priorità sono altre, nessuno vi obbliga, ma non nascondetevi dietro ad un dito. Non sfruttare il dono della scrittura vorrà solo dire regalare qualche emozione in meno a chi come me, ogni giorno aspetta di leggervi. Mi avete insegnato che non bisogna avere paura di giocare con le parole, di sorridere anche delle stupidità che a volte si scrivono sole sulla carta. Mi avete dato il coraggio di farmi conoscere nella mia semplicità sorridendo ad ogni giorno.


Sono qui che vi attendo, non importa quanto tempo passerà l’importante è che sia ancora...Poesia!




Share |


Opera scritta il 13/10/2014 - 18:53
Da Cristina Mecucci
Letta n.1069 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Salve, grazie per essere passati tra le mie righe.A te Franco rispondo che per natura non mi piace classificare gli scrittori, ho letto alcuni testi di narrativa che per me erano poesia pura,ed alcune poesie che non le avrei mai chiamate con quel nome.Ma è importante? La scrittura regala emozioni, sorrisi, a volte momenti d' intimità profonda con noi stessi ed allora... l'unica cosa che conta è non smettere mai di farlo!
Grazie ancora a tutti

Cristina Mecucci 15/10/2014 - 19:16

--------------------------------------

E'stato bello leggerti e non nascondo che in molte situazioni che hai descritto tanto bene mi sono identificato. In fondo sono d'accordo con la tua esortazione a non mollare. Una cosa però non l'ho capita, una cosa è scrivere per il piacere di scrivere (il desiderio di farsi leggere è una delle conseguenze di questa passione) ma fare, praticare, comporre poesia è tutta un'altra faccenda. Il poeta è inevitabilmente anche uno scrittore, ma uno scrittore di prosa, non necessariamente deve sentirsi un poeta. O mi sbaglio?

Franco Melzi 15/10/2014 - 00:08

--------------------------------------

Un'analisi di concetto molto bella.
Complimenti
Romualdo

Romualdo Guida 14/10/2014 - 09:48

--------------------------------------

apprezzato molto

loretta margherita citarei 14/10/2014 - 07:09

--------------------------------------

Complimenti Cristina,l'amore per la scrittura ci porta anche a trascurare anche gli affetti più cari,ma non scrivere, per chi la ama,è un suicidio,molto bella la tua analisi,un saluto ti ho letto con vero piacere a presto rileggerti

genoveffa 2 frau 13/10/2014 - 20:26

--------------------------------------

Mi hai colpito con il tuo racconto, con emozioni contrastanti,sei riuscita a farmi riflettere su ciò che è veramente importante nella vita...molta brava CRISTINA!

Anna Rossi 13/10/2014 - 19:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?