Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Felicità è mettere o...
La malattia...
INCOMPRESA...
L'ingenuità nell'amo...
Confini incerti...
Versi sparsi...
GRANDE È L'UOMO...
RIAPPARVE IN SOGNO...
Fiori di ciliegio...
La foto...
Sulle pagine del tem...
L'ultimo bacio...
BALCONE...
Raccolta Prima...
CLESSIDRA...
Costa Esperanza...
Solitudine...
Momenti...
Il volo di un angelo...
Noi siamo nati liber...
Decoro...
PROFUMI D'INFANZIA...
Bagagli...
PRIMO AMORE...
IO NON MORIRÒ...
Occhi...
CHI LEGGERA\' LE NOS...
Si fa sera...
Il giudizio, ammesso...
Dite qualcosa...
LA RABBIA...
ARIDA NOTTE...
Frammento d’amore...
La rosa gialla...
Blue Lobelia 1.15...
Paura...
BULLISMO...
TUTTI E TRE...
L'ombra dell'uomo ch...
Le parole più dolci ...
Scalata...
Bacio...
La saggezza consiste...
Mare in tempesta...
Prendimi per mano...
Il vinto sorgerà...
La filosofia (pensar...
Ramanujan...
soltanto un sogno...
Ritagli di vento...
L' AMORE RIPOSA...
CIMITERO ALL'IMBRUNI...
I colori dell'anima...
lascia andare...
Fiori di Pesco...
La malattia dei rico...
Emozioni a colori...
Blue Lobelia...
BRIVIDO CALDO...
CORIANDOLI DI VITA...
Il vento infausto de...
Vespero...
La distanza...
Una sera lontana...
Ti ruberei...
Le stagioni della vi...
La frontiera...
Parla...
ACCIDENTI ALL\' ...
Minchia! Signor tene...
Haiku 26...
Causa e Effetto...
Retorica-mente?...
Erotico sogno...
La erta salita...
In equilibrio instab...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
La Tigre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Don Lollò

Non si capisce qual ch’è il motivo
di quella grinta del porco cattivo;
non si capisce, ancor,perché al mattino
dimenasi don Lollò al balconcino.
Si sa, però,ch’è insofferente nato
e il mal ch’addosso porta è una nota
ch’à disegnato sulla suina faccia
e la stortura ch’à in gambe e braccia.


L’accosto al pirandelliano personaggio
non è al mostro nostro un omaggio
ma è sol per illustrare la tracotanza
di questo don Lollò dell’ignoranza.
IL teschio in toto di cervello privo
lascia abbondante spazio a corrosivo;
La colpa è certo del paterno gene
tramatore di male,sdegnator di bene.


Quello, il vero don Lollò,l’intollerante
aveva di che dare al confidente
chè beni possedea in terre e case
e perdere potea danaro,tempo e cose
per rimanere agiato,in ogni caso.
Quest’altro,storpio,brutto e d’altro stampo
cui sola proprietà è l’essere intrigante
resta misero,impertinente questuante.



Share |


Poesia scritta il 04/10/2011 - 19:57
Da nello maruca
Letta n.722 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?