Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Diciott'anni...
Il bianco della neve...
Chi ha il dono della...
A DICEMBRE...
Origine...
Vita...
Se hai un lavoro dig...
Il verso del vento...
Modulazioni...
TATUAGGIO...
Snowflakes...
Meraviglioso...
Scrivere è un'arte. ...
La sua paziente toll...
Quante volte...
Questo mio amore per...
Nella rete del gioco...
Bella domanda...
Il silenzio la veste...
Chissà...
LA SANTA MESSA...
ERA MIO PADRE...
A Biagio...
Rose Bianche...
IL GRIDO...
HAIKU 3...
Per amore...
Evviva Zapata!...
Wakantanka”...
Diamo ragione al sen...
Magnifica stella dor...
Aspettando Natale...
I soldi vanno e veng...
Il coraggio Jj...
Il lento scorrere de...
Invisibile...
I muri...
Il senso della vita...
Erto e Casso...
ONIRICI SOGNI...
Oggi si pesca ovunqu...
LE CHAT NOIR ......
Prolegomeni del gior...
Quella notte qualcun...
Cuore...
Il senso della vita...
LE FREDDE MANI ...
L\'anima mia è cambi...
Come un miraggio...
L'ultimo appiglio...
Piove nel silenzio...
Parlami del mare...
IL POSTINO...
La pioggia non è fat...
Un’opera d’arte non ...
Sfumata natura...
GOOGLE MAPS...
La pazza...
HAIKU M...
Basterebbe ascoltare...
VERDE...
Specchio...
Alle labbra della no...
Ti aspetto...
FLOTTE DI PENSI...
Attimi d'incanto...
IL PIGIAMA DELL'OSPE...
Luce...
HAIKU 2...
Che pacchia!...
Suggestiva...
Caricare le parole ...
Tutti di corsa, in u...
Da dietro le grate...
Il vento della vita...
Lorenzo il Bislacco...
Verrà quel giorno...
Gabbiano Nel Blu...
Salmastra...
Carta che ride...
La sensibilità è una...
Cerchiamo...
Vista sul golfo di T...
Nebbie...
Val d’Ultimo....
Dolce luna...
RISURREZIONE E S...
Haiku 12...
Chi pur nell'ira la ...
Conte e il topo assa...
Cielo incommensurabi...
Il Consenso...
I capricci della scr...
Il lento fluire del ...
LUNA...
Un tempo...un mondo....
Punti di vista...
Come un randagio...
Post meridiem...
SCRIVERE LIBERA D...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il Turbamento

La vita è un pozzo fondo, senza fine
ch’è pieno zeppo di miserie umane,
per quanto tempo dura, sino a fine,
non son giornate che non siano vane.


Per quanti sforzi sono,per quanto t’opri,
per quanto ti dibatti ed arrovelli,
per quanto cerchi pace che bisogni copra
non v’è cosa che plachi quel cervello.


Non ragionamento che lo porta altrove,
non problemi di natura maggiore,
lo ritrovi ovunque e in ogni dove
ch’è tutto scuro, pur bianco colore.


Com’erba cattiva che su prato nasce
che estirpata con certosina usanza
in perseveranza presto rinasce
a dimostrare dell’uomo l’impotenza.


Così, quel turbamento, se si cheta
riemerge, all’improvviso, dopo poco,
nel cervello ritorna e non è quieta
e fin che la vita è fa questo giuoco.


Invero per chi ha credo è una sol via:
è quella d’aggrapparsi al Sommo Iddio.



Share |


Poesia scritta il 03/12/2011 - 18:25
Da nello maruca
Letta n.1073 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?