Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La casa di Elisabeth...
RICORDI PENSIERI ...
Fido Randagio...
Abitudine...
Pensieri confusi...
GRIDA...
Cravatte...
Incredibile che rina...
Come Fa Il Vento...
Dove sei.......
LA SCARPETTA DOMENIC...
Il Tramonto...
Il viaggio...
Incendio...
FINALMENTE SI SPOSA...
Tutto senza capire...
Illusione d'amore...
Le promesse spese...
Trovare la chiave pe...
Dio è in te,nella mi...
L'uomo può avere con...
Fabbrico nostalgie ...
Oltre i tuoi capelli...
Uomini e Donne… Sold...
Murales...
Il fieno tra i capel...
Malinconico Maggio...
Sete di libertà...
Case dalle finestre ...
GIOVANE AMORE...
HAIKU 6...
Vento d'estate...
Calde lacrime...
Confusa e felice...
LUCCIOLE...
Pianto di stelle...
....interferenza...
Granito...
Canto dell' amore ri...
Il Papavero...
Lenta agonìa...
haiku 10...
I GATTI DEL QUARTIER...
Reprobi Angelus 11....
In questi momenti bu...
“MADRIGALE” PER LA M...
La chiglia s'incagli...
Il palcoscenico dell...
Donna Violante...
SOGNO E PENSIERO...
Follia dell'uomo...
ACCENDI LA PASS...
Talvolta...
Ovunque ella or sia...
Petali...
lago Maggiore...
E' solo tardi...
PAREIDOLIA...
I malati diversi fra...
Un dono gradito....
DELIZIATO INCANTO...
Supermarket question...
Ovattati pensieri...
LA BUSTA PAGA...
Reprobi Angelus 10....
RONDINI...
NOZZE DI CORALLO DEL...
Cuore di farfalla...
Arruda...
Haiku 2...
La porta del cuore...
Affresco di primaver...
Raccolto di vita...
FELICITA’ NASCOSTA...
LA VIA DEI CAMPI - P...
IO NON SO...
Vuoto a perdere...
Soggetto...
VILI...
Tempesta...
HAIKU 5...
La Cinciallegra...
Il dono più prezioso...
Insieme...
LA RUSSIA HA OLTRE C...
Domanda antalgica....
Tempi sbiaditi...
Profumo di pane...
La luna rossa...
La Rosa senza Spine...
Se mi pensi...
“LE DOMENICHE DA S-B...
Giro d'Italia 1950...
Sugli scogli degli e...
mi hanno lasciato da...
Orchidea...
Essere felici...
CONCORSO...
La festa della mamma...
Mamma...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

LA PIOGGIA

La pioggia m'inebria,
m'inebria sottile nei sensi
mi lava la pelle viziata
mi toglie dalla noia inerte.
Mi cola sul viso sul mento
sui polsi, piano all'inizio
poi forte, più forte che sfascia.
Sfascia l'anima come
una cosa che si tocca.
Anche se è pura la rompe
la lascia più sola dopo,
quando passa.
Vorrei gettarmi nel fango,
lordarmi il viso la fronte
e tutto ilpovero corpo,
straziarlo per poi poter
rinnovare il piacere
dell'acqua che monda
pulisce e rinfresca,
rinnovando così, ancora,
come sempre
il piacere del vizio.


Share |


Poesia scritta il 10/02/2012 - 16:12
Da Lucia Ghitti
Letta n.831 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?