Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ARIDA NOTTE...
Frammento d’amore...
La rosa gialla...
Blue Lobelia 1.15...
Paura...
BULLISMO...
Non esiste una teori...
TUTTI E TRE...
L'ombra dell'uomo ch...
Le parole più dolci ...
Scalata...
Bacio...
La saggezza consiste...
Mare in tempesta...
Prendimi per mano...
Il vinto sorgerà...
La filosofia (pensar...
Ramanujan...
soltanto un sogno...
Ritagli di vento...
L' AMORE RIPOSA...
CIMITERO ALL'IMBRUNI...
I colori dell'anima...
lascia andare...
Fiori di Pesco...
La malattia dei rico...
Emozioni a colori...
Blue Lobelia...
BRIVIDO CALDO...
CORIANDOLI DI VITA...
Il vento infausto de...
Vespero...
La distanza...
Una sera lontana...
Ti ruberei...
Le stagioni della vi...
La frontiera...
Parla...
ACCIDENTI ALL\' ...
Minchia! Signor tene...
Haiku 26...
Causa e Effetto...
Retorica-mente?...
Erotico sogno...
La erta salita...
In equilibrio instab...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
Si comunica non per ...
La Tigre...
Poeti stropicciati...
IL SOLCO DELLA MATIT...
PIOGGIA SABATINA...
Patate in picchiata...
Solo fra i soli...
Un sogno...
Il colore dei ricord...
La crociera...
Dimmi quanto mi desi...
Un incontro fatale...
Nuovi colori simili ...
Nell'aldilà...
LA TERZA GUERRA MOND...
Sorrido...
Elisir Di Una Madre...
La mia dimora...
Sorridi, credimi e l...
Il messaggero dell'a...
Brividi d'Aprile...
Invisibile senso...
I COLORI DELL' ...
Le lacrime più amare...
Il tempo è denaro...
Gioventù 1968...
Se sei onesto e buon...
La palla lanciata gi...
Scendere...
Un velo sottile...
Il contrasto dei col...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

CRISI IN PRIMAVERA

Crisi in primavera,
crollo imprevisto,
non posso ascoltare,
adagiare,
quest'atmosfera
così austera,
nella realtà
dell'infinità.
Un grande vuoto empirico,
una confusione,
la primavera arriva:
un senso di fetore,
misfatto derelitto
cancella ogni peccato,
nella città che corre
la puzza del reato:
un sole contro e basso
da perdere i colori,
nell'allucinazione
che accenderà i bollori.


In Estate forse tornerà
la brezza, la tranquillità,
chissà se il buio schiarirà
le idee anchilosate,
dove il tempo non è buio,
dove la marina calda
ci dà ancora un po' speranza.


No, non starò
solo a guardare
questa fine così,
perché fine non è!
Guarda, e stupisciti anche tu!
La tua testa era piena
quanto la mia:
ma non c'è verso
di andare via!
Che cosa c'è?
Che cosa c'è?
Che cosa c'è?


Non è più particolare
l'assurdo filosofare:
forse è meglio sparire,
o, ancor meglio, ritornare.


Cosa c'è
dentro di te
non lo sai
nemmeno tu
tutto può succedere
nel lampo di un momento
e così... così...



Share |


Poesia scritta il 10/03/2012 - 12:48
Da Manuel Miranda
Letta n.797 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?