Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...
La Verità...
Cinema IRIS...
Tanka1...
La paura è un meccan...
SETTEMBRE...
A qualcuno piace ton...
La Notte scende sul ...
HAIKU N. 13...
Il rumore della piog...
Soffio...
Sensazioni 5...
Manca coraggio...
Musa 2...
Non avrei potuto...
l\'errore...
Il primo bacio...
Tradire...
SONO STATA...
Il recapito...
l'embrione dell'amor...
Se fossi vento...
ITALIA BELLA...
un gatto randagio...
HAIKU F...
Ascolta il vento...
Dialogato...
Haiku n°8...
Pianura...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Qualità del Cornuto

La bontà, è risaputo, qualità
è del cornuto che quand’anco la sua donna
trova a letto con l’amico a sfregarsi
l’ombelico, li osserva desolato
e per mera umanità,avvilito,
se ne va. .
Poi credendo che l’amico dipartito
si sia già, come d’uso d’ogni dì,
torna a casa al mezzodì; da sull’uscio
fragoroso ode il riso degl’amanti
e allora cosa fa’? Scoraggiato
se ne va.
Attraversa il ponte grande, scende giù,
verso la valle, si sofferma sulla sponda,
guarda l’acqua gorgogliante: si lo fo.
Indi pensa alla sua donna, indietreggia
di un bel po’: Poverina! Non lo fo.
Ed allora cosa fa? Mogio, mogio
se ne va.
La campana dondolante dona l’ora
della sera, il profumo delle viole
sta a nunziare la primavera;
Lui è solo nei suoi pensieri: A quest’ora
ancor lo trovo? Certo no! è ora di cena.
Farfugliando in questo dire verso casa
s’incammina.
Mentre il sole cala a ponente
avanzando lentamente, con il cuore
palpitante guarda in alto, ahimè
chi vede? E’ l‘amico alla veranda
che ridendo sta cenando. Si domanda:
Mo che fo? Più lontano me ne vo.
Poi, intanto, la campana dalla vetta
al campanile lenta batte mezzanotte;
con in cuore speranze vane fa ritroso
il suo cammino, alla luce della luna
della casa ai gradini stancamente
s’incammina e la chiave nella toppa
ruota lento, pian pianino e con fare
quasi furtivo alla camera da letto
tristemente s’avvicina.La sua donna
con la guancia è distesa sulla pancia
dell’amante ch’è d’accanto. Indietreggia,
va in cucina, un trinciante stringe
in pugno e s’avventa alla consorte
e dell’uomo fa stessa sorte. Poi s’accascia
lentamente e riposa, finalmente.
Pure questo è risaputo qualità
è del cornuto.


Share |


Poesia scritta il 30/06/2012 - 22:16
Da nello maruca
Letta n.869 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?