Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ho un sogno da realu...
l'antica porta...
L’Amore che vorrei...
Infinito...
Dirti ciao...
Capitano, dove sei?....
Gioca a scacchi cont...
Luci d'Estate...
..e tirarlo a forza...
L’orticello del conv...
Cicala...
Che roba !...
Poesia è una pagina ...
Eclissi di luna...
Tempesta...
QUANDO ARRIVERÀ IL M...
Eppur m'è caro...
Riflessioni in bilic...
Lidia...
Quiescente......
Per i bambini è faci...
La voce del vento...
PER FAVORE,POETI...
Da questa battima...
Notti d'agosto...
Starseed...
Ormai come ogni nott...
La vecchierella...
Il paese fantasma...
La guerra tra animi...
Soffice balzo...
La mia vita...
Sul tetto del mondo...
La Quercia...
Ti tengo nel cuore...
Non esiste vita che ...
Donna...
L'ultimo esame...
Ti porterò con me...
Ho comprato una lett...
Lira di Dio...
La dama...
Mattino...
Visioni d'Estate 201...
I miei castelli......
mi piace stare qui...
Inadatto...
RICORDI...
Una Corsa Speciale...
Lo scorrere dell\'ac...
Dove sei?...
L'addio...
Chiudi gli occhi, fi...
Haiku Nel cielo...
Una amicizia special...
L ' ultima Thule...
Al rincasar degli sb...
Gli anni vanno via e...
POETARE...
In riva al mare...
NON FRIGNARE PIÙ...
Ho bisogno di te...
IL QUINTO ANNIVERSAR...
Nello spazio senza g...
Io e l’estate....
Giovani...
Come rugiada...
Senso di colpa...
quando il tutto sara...
Tu mi colori la vita...
HO CONOSCIUTO L'AMOR...
L'inverno nel cuore...
L'AMORE...
Sul Meeting di Rimin...
NAVIGO DENTRO UNA ...
A RISCHIO DI COTTURA...
Fiordifragola...
L’Abete...
Uno scorcio di io(C)...
Ho cercato di amarti...
Non andar via...
Le esistenze non son...
L' AMORE SUL WE...
Un ombrellone...
Amore virtuale...
NUMMERI di Enio 2...
Sullo scoglio...
Er chiodo fisso...
Zacchete !...
Vivimi...
UN FIORE NEL CIELO...
AGOSTO...
Il Volo...
Punti di vista...
21 aprile...
I tuoi momenti...
Bugie allo specchio....
I figli piccoli sner...
In un giardino...
Il profumo della pio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

VI

Corre lo buon Giuseppe da Pilato
ad implorare la divina Spoglia
che inumarla in sicuro loco ha voglia
e astergere di addenso Sangue beato.


In tel di candido lino pregiato,
poi che da peso croce Corpo spoglia
l’avvolge, e con pie donne insiem lo veglia
finchè in tomba vien con pietà traslato.


Il dì di poi del sabato, all’albore,
all’avello Maria trovasi presso
ma la pietra, però, manca all’accesso,


quindi, con l’altre assiem varca l’ingresso
tremolante di paura e a capo basso
ma, non ha traccia del Divin Signore.



Share |


Poesia scritta il 29/08/2012 - 23:42
Da nello maruca
Letta n.496 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Si, Enio, è Giuseppe di Arimatea, uomo pio e ricco anche lui discepolo di Cristo che volendo onorare le spoglie del Maestro le richiede a Pilato e, avendo una tomba non ancora adibita ad altra sepoltura, scavata in una roccia, dopo averle avvolte in un lenzuolo di lino le depone nel sepolcro facendo chiudere l’apertura con una grossa pietra, difficile da rimuovere, mentre Pilato ordinava che a guardia del sepolcro venissero messe delle guardie affinchè il santo Corpo non potesse essere trafugato dai discepoli. Dopo il sabato, di buon mattino, Maria Maddalena, Giovanna, Maria madre di Giacomo e altre ritornate al sepolcro con aromi per cospargerne il Corpo trovarono la pietra spostata e il sepolcro vuoto della Salma che, misteriosamente, era scomparsa.

nello maruca 30/08/2012 - 23:29

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?