Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...
Tempi d'essere...
Se rivivi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Passò la lunga notte

Dimmi, giullare,
se tra i fidi consiglieri del re,
se tra i valvassini della corte
o le ruffiane delle alcove
s’alzò un mormorio sommesso
a ricordare quella lunga notte
quando, prima dell’alba,
le porte Scee furono aperte
dai tuoi petenti di te ammirati
e delle tue fortune.
Dimmi, giullare, se qualche aio inascoltato
tentò di rammentarti la storia trafelata
di questo nostro Feudo;
se, mentre tu cullavi il tuo narciso,
ti disse mai che un popolo
spregiato e ardimentoso
garantiva a te la libertà;
a te, pasciuto e liscio come villan rifatto,
arrogante come ogni parvenu, sensibile al potere
come un bastardo alle puttane.
Scendeste armi e carriaggi: Attila e Brenno insieme
affamati da lungo digiuno
assetati di lunga vendetta impaludaste la città.
Qualcuno ti osannò, cesarperon, e tu, magnanimo,
prendesti le chiavi dell’arengo, le scorte alimentari,
i giureconsulti al tuo servizio.
Poi, passò la lunga notte, il sole
s’alzò sul mare di carogne
e di sporcizia lasciato dalle truppe.
Nuovi semi furon piantati
ma molto, molto tardi
a riempire i granai
fiorirono le messi.
26 luglio 2003/82


Share |


Poesia scritta il 31/10/2012 - 23:51
Da Giancarlo Rocchetta
Letta n.395 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?