Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'unico momento prez...
Vademecum...
Risveglio...
Le stelle...
RICORDI DI PASSI...
Che asino!...
Come aria fresca di ...
Ti amo...
La fantasia...
NON E' TANTO FACILE...
Il MIO UNIVERSO...
Per un soffio di ven...
Alba a Milano...
Nuova storia...
BOCCHINO NON PORTA P...
Tutte le forme d'art...
Dobbiamo imparare da...
Amarcord del Cavalie...
Racconto poetico… di...
Specchio...
IRA...
Disagio....
Pensiero...
Pensieri che svolazz...
Il mago delle monete...
NUVOLE BIANCHE...
IL VIAGGIO DELLA...
Il mercataro intelli...
Il mio sogno...
IL SEGRETO DI NIMUE ...
L'amore cos’è?...
La Befana di Barbane...
GALAVERNA...
Ho guardato le stell...
Ospiti...
Attimi di cielo...
La natura è come una...
Sorriso e pianto...
La nostra vita è abb...
Psicologia...
I Poeti...
Riflessi di luce...
Domani...
DI QUEL VOLTO...
Celeste vs Monica: L...
LA MIA FAVOLA ...
la scelta è l'illusi...
Parole oltre...
Il pellegrino...
La dolce felicità de...
Cerulo...
Non piacersi più...
IL PASSEROTTO SMARRI...
Era il tempo dei gio...
Talvolta in flashbac...
C'è in alcuni un pre...
OROLOGIO ASSASSINO...
Il vento e il merlo...
SCORRE...
Amore tossico...
Questo inverno...
CREDERE E PERDON...
Migrante....
Lettura...
Stupefacio (fuori co...
IL SOLE DI INVERNO...
L\' albero della vit...
La tennista...
Ti penti...
Sono di nuovo qui...
Qualcosa di bello...
Ruderi...
Fantasmi, contadini,...
RE DEI DEMONI ......
Bailando...
Ombre della sera (co...
LA MENA DEL VEZZA...
Ricami di luce...
Così dopo un po' si ...
Dopo un\'alba...
PICCOLO...
È successo qualcosa...
Tra guerra e pace...
ABBRACCIAMI CON ...
Ho chiesto al silenz...
Il volo della capine...
Sospesi...
Cipria (sottotono ca...
LA PECORELLA SMARRIT...
Il sogno (concorso p...
La Stanza Vuota...
Il vestito verde...
PASSATO, PRESENTE, F...
DAL DROGHIERE...
Epifania...
I TEMPI PASSATI...
Memorie...
Essenziale...
L’orto dei fantasmi...
Ricordarsi di vivere...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

L’ora scendeva lenta ed il tempo

L’ora scendeva lenta ed il tempo
come miele delle tue labbra
e spighe dondolavano nel giugno che veniva


e quale giugno si scioglieva
oltre il fluttuar della tua gonna a fiori


Hai paura... mi hai detto
paura dei tuoi occhi neri


li ho visti nell’ombra
cercare il silenzio più nascosto
per brillare...


Sei una zingara... dissi...
e le colline si scioglievano
dolci ai tuoi capelli


...forse... un zingara... e ridevi


L’ora scendeva lenta ed il tempo
come miele delle tue labbra
e spighe dondolavano nel giugno che veniva


Vedi quest’albero... dicesti
profumi nuovi portava screziati nell’aria
ha tre volte i tuoi anni
e per due inverni restò tra le foglie del selciato


C’era un selciato qui...?
Uh si... ed una casa grande... immensa nel sole
dove tu vedi solo pietro...


io... io ci giocavo


Fu allora che un brivido mi corse sulla schiena


L’ora scendeva lenta ed il tempo
come miele delle tue labbra
e spighe dondolavano nel giugno dei tuoi occhi neri...



Share |


Poesia scritta il 22/01/2018 - 15:39
Da Franco Libecci
Letta n.613 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


bella bella e tu sei bravo

daniela cesta 25/01/2018 - 23:31

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?