Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La superbia fa dir...
Elucubrazione n. 7...
Bianchi pupazzi...
E......
Amo la vita...
PALESTRA...
occhi...
Volevo dirti...
Profumo di casa...
Giocare con la vita,...
Noi raccoglitrici de...
In viaggio...
Il viaggio (Senryu I...
18:16...
Notti insonni...
Un bel giorno d'esta...
MARCIAPIEDE...
FRA POCO SARÀ NATALE...
l\'ULTIMO VIAGGIO....
LIBRO QUESTO SCO...
L'amore...
SPERANZE...
L’uomo per natura vu...
Le finestre degli al...
Errore in-convenevol...
A mia madre...
Con tutto l'amore ch...
Ciao Diego...
La ragazza selvatica...
Essa fu (concorso p...
Delicata...
MUSCHIO...
Tutti i santi giorni...
Vita...
QUANDO SI CAPISCE...
La viltà di un uomo...
La precarietà dell'u...
Al suono del vento...
Giuramento d’amore...
Gocce d 'acqua...
Ineffabile destino...
Il viaggio (renga, c...
Invito a cena...
Il presente disse pa...
Sonetto - Profondo e...
E' tempo di innamora...
Si apriva e si chiud...
Innamorato...
IL VIAGGIO...
Non sappiamo quanto ...
Sirene...
Milena...
I ricordi...
Ceste di fiori...
Malinconica Tristezz...
Quesito...
Io e la Risolutezza...
Il buddha...
POVERI E RICCHI...
L'ultima foglia dell...
ultima foglia...
Era bello...
Numero trentadue...
ZIBALDONE...
La paura...
La mia Italia...
L'essenziale...
Mi disse parlami...
Il viaggio (Cartolin...
A DUE PASSI DA ME...
Speranza d’autunno...
Glorioso passato...
LVX...
ADRIANO...
Elucubrazione n. 6...
Sospesi in un tempo ...
L'autunno...
SE NON CAVALCHI LA T...
Con disgusto (concor...
In riva al mare...
Se non vinciamo tutt...
I NOSTRI GIORNI...
Casa...
La mente suggerisce ...
Buonanotte...
Se ti abbraccio non ...
Luna pretesa...
INVERNO...
IL CUORE DEI PENSIER...
I miei nemici alla f...
Il vela...
The Bergen Belsen...
09:35...
Grazie...
Notte senza luna...
Fermarsi...
Friedrich Nietzsche....
La Parola del Vangel...
Pelle...
Tenebre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Heimatlied

Terra natia,
dolce oblio di neve
un turbinare lieve
oltre un’ombra,sotto un canto…
oltre il manto che copre la via.
Una valle che è solo mia
quando dorme
e di notte mi sussurra
le sue storie
spazzate o cullate dal vento,
talvolta percepibili a stento:
i cantastorie narrano una bugia.
Quello che a volte sento…
Dicono le donne, narrano i vecchi
di ninfe e di elfi nei boschi,
che stanno tra i sorrisi nascosti
a chi crede che il giorno
sia dalla notte un ritorno
e non invece uno straziante addio.
Quello che era e che è stato
è solo mio…
come il fumo che danza sul tetto
con piccola brace,
piccola pipa di folletto:
bandiera della casa
da cui ho preso la strada d’avvio.
È il passo che batte col cuore,
è col cuore che si muove il passo,
sicuro oltre la soglia d’ingresso
che quel che era e che è stato
sarà ancora mio.
Allora chiudi piano la porta,
apri presto il tuo cuore,
schiudi di schianto la storia
e da essa fa sgorgare il tuo amore:
dalle un compagno, una voce, un nome.
“terra di casa”, mi guidava al ritorno
“terra di casa”, mi chiamava nel sonno
“terra di casa”, era il nome al risveglio.
Ma è soltanto un altro giorno
in un posto straniero…
Ma tu dille che torno presto
e che non le ho detto addio.


Share |


Poesia scritta il 29/11/2010 - 14:11
Da Donna Pola
Letta n.736 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Molto bella... brava Donna!!!

Jacqui 02/12/2010 - 18:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?