Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiori di Pesco...
La malattia dei rico...
Emozioni a colori...
Blue Lobelia...
BRIVIDO CALDO...
CORIANDOLI DI VITA...
Il vento infausto de...
Vespero...
La distanza...
Una sera lontana...
Ti ruberei...
Le stagioni della vi...
La frontiera...
Parla...
ACCIDENTI ALL\' ...
Minchia! Signor tene...
Haiku 26...
Causa e Effetto...
Retorica-mente?...
Erotico sogno...
La erta salita...
In equilibrio instab...
Meglio cadere, anche...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
Si comunica non per ...
La Tigre...
Poeti stropicciati...
IL SOLCO DELLA MATIT...
PIOGGIA SABATINA...
Patate in picchiata...
Solo fra i soli...
Un sogno...
Il colore dei ricord...
La crociera...
Dimmi quanto mi desi...
Un incontro fatale...
Nuovi colori simili ...
Nell'aldilà...
LA TERZA GUERRA MOND...
Sorrido...
Elisir Di Una Madre...
La mia dimora...
Sorridi, credimi e l...
Il messaggero dell'a...
Brividi d'Aprile...
Invisibile senso...
I COLORI DELL' ...
Le lacrime più amare...
Il tempo è denaro...
Gioventù 1968...
Se sei onesto e buon...
La palla lanciata gi...
Scendere...
Un velo sottile...
Il contrasto dei col...
Per...sopravvivere...
Lingue lunghe...
Il violinista...
Com'è difficile.......
Arrivare alle stelle...
Perchè piangi?...
haiku a...
Libertà...
Per Te...
Il Maggiore Lionel W...
Venti di guerra...
La vita come le stag...
Anima e corpo in gin...
GALLI...
Se entri nella mia v...
Argonauti...
SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Questo amore impossi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Heimatlied

Terra natia,
dolce oblio di neve
un turbinare lieve
oltre un’ombra,sotto un canto…
oltre il manto che copre la via.
Una valle che è solo mia
quando dorme
e di notte mi sussurra
le sue storie
spazzate o cullate dal vento,
talvolta percepibili a stento:
i cantastorie narrano una bugia.
Quello che a volte sento…
Dicono le donne, narrano i vecchi
di ninfe e di elfi nei boschi,
che stanno tra i sorrisi nascosti
a chi crede che il giorno
sia dalla notte un ritorno
e non invece uno straziante addio.
Quello che era e che è stato
è solo mio…
come il fumo che danza sul tetto
con piccola brace,
piccola pipa di folletto:
bandiera della casa
da cui ho preso la strada d’avvio.
È il passo che batte col cuore,
è col cuore che si muove il passo,
sicuro oltre la soglia d’ingresso
che quel che era e che è stato
sarà ancora mio.
Allora chiudi piano la porta,
apri presto il tuo cuore,
schiudi di schianto la storia
e da essa fa sgorgare il tuo amore:
dalle un compagno, una voce, un nome.
“terra di casa”, mi guidava al ritorno
“terra di casa”, mi chiamava nel sonno
“terra di casa”, era il nome al risveglio.
Ma è soltanto un altro giorno
in un posto straniero…
Ma tu dille che torno presto
e che non le ho detto addio.


Share |


Poesia scritta il 29/11/2010 - 14:11
Da Donna Pola
Letta n.789 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Molto bella... brava Donna!!!

Jacqui 02/12/2010 - 18:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?