Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Normale Follia...
Sensazioni 7...
Sulle onde stropicci...
Scoprire l' Amore...
HAIKU N. 14...
Nei momenti di fragi...
Dell'attesa...
L'ammartaggio...
Haiku 14...
Poeti...
L'aprés midi d'un ph...
Il canto più soave...
Tanka 2...
Donna...
Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...
La Verità...
Cinema IRIS...
Tanka1...
La paura è un meccan...
SETTEMBRE...
A qualcuno piace ton...
La Notte scende sul ...
HAIKU N. 13...
Il rumore della piog...
Soffio...
Sensazioni 5...
Manca coraggio...
Musa 2...
Non avrei potuto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

MAMMA ROMA

Mamma Roma, eccoci qua,
figli della tua lealtà;
e che importa se poi noi
non siam tutti eredi tuoi.


Quanto tempo disterà
un grammo d'eternità?
Nella vita io non so
cos'è giusto e cosa no.


Mamma Roma, tu ci sei,
lontana dai sogni miei.


Io ti ho vista dentro a un film
combinata alla James Dean
o nell'Europa giovane
figlia d'Impero nobile.


In piedi nel '46
a far rialzare i sogni tuoi,
nel boom di metà secolo
tra le contestazioni e via.


L'Italia che cambiava ormai,
Fellini, Sordi, figli tuoi
nel tempo si scagliava già
la luce di divinità.


Mamma Roma, tu ci sei,
lontana dai sogni miei.


E geni e artisti ai piedi tuoi
e Cristo ha preso casa qui
S. Pietro sopra i colli sta
e strizza l'occhio al Papa, e va.


Nel vento già una melodia
"Roma capoccia madre mia",
Venditti, poi Baglioni, De Gregori
son creature tue.


E Plauto a ridere starà,
Luciano ora racconterà,
Lucilio insieme a Seneca
Terenzio insieme ad Ennio e poi


Mamma Roma, tu ci sei,
lontana dai sogni miei.


D'Orazio sta ai tamburi e poi
Manfredi, Gassman, De Sica e poi
Pierpaolo Pasolini insieme a Cesare
conquisterà


I cuori di un'Italia
che va verso il futuro e poi
in TV c'è Mario Riva
poi Bonolis con Laurenti e poi


Mangano, Pampanini, Vitti,
Magnani, il dopoguerra e poi
c'è Roma città aperta
Rossellini, Comencini e....


Verdone, poi Proietti,
Montesano, Petrolini e poi
Rino Gaetano e Gianna
Le canzoni di Battisti e poi.


Mamma Roma, tu ci sei,
lontana dai sogni miei.


Mamma Roma, eccoci qua,
figli della tua realtà;
e che importa se poi noi
non siam tutti eredi tuoi.



Share |


Poesia scritta il 30/11/2010 - 18:05
Da Manuel Miranda
Letta n.774 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?