Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La felicità esiste d...
GIOVANNA O GIULIANA ...
Illusioni e sentimen...
Così felici...
Lacrima...
Il Niente...
Alla foce d'un rivol...
Ali...
Quando al fulmine no...
RIFLESSIONE CON LA R...
'... un pò di follia...
Ti Donerò Dei Fiori....
L’ultimo atto...
Un COLPO al CUORE...
LA FELICITÀ È...
Il volo senza fiato...
SGUARDI NEL NULLA...
La preghiera di un a...
Il paradosso di Zeno...
la felicità? due big...
Burka...
IL CORAGGIO DI ...
Fantastica follia...
Semplici sensazioni...
Il vento scompiglia ...
Felicità...
Martina si sposa...
Fragile Impercettibi...
Buco nero...
è passato tanto temp...
Colpa del sale...
LA FELICITÀ ...SAI...
Il duetto dei fiori...
BIANCO...
La maledizione dell’...
L'ULTIMO DONO...
Cechin...
IL CANCRO È UN CLAND...
Antoine e il Piccolo...
Ragazza col turbante...
Mille...
Il buon pirata...
Il Ritratto Di Doria...
HAIKU DEDICATO...
SUDORI ROVENTI...
IL PRESAGIO...
La mia storia- DICEM...
Amore che torni...
Banditi...
Toro nero ebano...
Sulle note dei poeti...
LE DONNE E IL ...
A capo chino...
ORRORE...
Millennials...
Liberi di volare...
La tua voce...
Prigionieri...
Forse...
ODE AI MIEI RICCI...
Posso?...
Imbalsamato giorno...
TEMPESTA...
Imparerò...
IL SAPORE DELLA FELI...
Canto della voce del...
La felicità ? La fel...
Fiore di cardo...
Baciala. Sempre. An...
Allora navigo...
AMAMI SENZA RITEGNO...
Veleno...
Potessi o dovessi......
Così vicini, così lo...
Ombre e silenzi...
Corridoi di lacrime ...
quell'ultimo addio...
Consapevolezza dell'...
E veglio su di te...
La sottoveste rossa...
Stazione...
Anche il nero può di...
La vita è gioia...
haiku - caramelle...
Dare il meglio di se...
Artisti in convento...
L' UOMO NERO NON ...
SQUARCIO...
Il tuo silenzio...
NON DEVO PIÙ NASCOND...
Non sarai mai sola...
Tu puoi...
Da Argada a Runcatin...
Il mulino...
Occhi negli occhi...
Tutto il bello che c...
La ballata di Rocky ...
Vorrei poterti dire....
Colori miei disegnat...
Passato....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il bimbo di Hiroshima

Il bimbo di Hiroshima


Il giorno del giudizio
Dio girò lo sguardo…
oppur s’appisolò!


Fu un attimo…
un sole artificiale
precipitò dentro lo sguardo
fissando
il bagliore accecante
negli occhi stupefatti
di un bimbo spaventato
da lì all’eternità.
Seguì un vento rovente,
no, non lo definirei divino,
bruciava pelle e ossa:
se il diavolo esiste
quel dì egli era lì
a guidar l’intero inferno
sin dentro la città.


Poi solo urla strazianti
a soffocar qua e là
il silenzio irreale,
l’immenso smarrimento
di un popolo ormai spento.


Giorni, mesi e poi anni vissuti
senz’albe né tramonti,
chiedendosi se rinacque bella
come lo fu al tempo
dell’ultimo mio sguardo
la città cancellata
assieme ai miei occhi
nell’attimo fuggente
di uno sbattere di ciglia.


Vorrei incontrare il protagonista
dell’inumano scempio,
no, non la diabolica mente
che ideò l’ordigno
o l’eroico generale
che ordinò il decollo
e nemmeno il presidente
che prese su di sé
l’onere e l’onore
di opporre la sua firma,
ma l’aviatore che
premendo il tasto rosso
aprì le cateratte
degli inferi roventi.


Oh, quanto desidererei capire
che razza d’uomo è
il militare che
è d’uso ad ubbidir tacendo
senza porsi alcun perché!


Se lo potessi incontrare
lo inviterei a guardare
dentro le mie spente pupille,
gli mostrerei ferite
dell’animo e del corpo
per sempre in divenire.
E al fin gli chiederei
perché non si rifiutò d’aprire
le porte dell’inferno,
e come può l’animo umano
soprafatto
dalla codardia del soldato
sopportare un simile misfatto.


NOTA:
Esistono due modelli di codardia. Una buona, quella esercitata dal soldato che si rifiuta di sparare, getta le armi davanti al nemico (che non considera mai tale) s’arrende o fugge.
L’altra, quella cattiva, è messa in atto dal militare che per un malinteso senso dell’onore o del dovere, oppure per paura, esegue senza fiatare ogni ordine, financo il più infamante.



Share |


Poesia scritta il 23/07/2018 - 09:27
Da vecchio scarpone
Letta n.130 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ho provato a descrivere a modo mio, attraverso gli occhi per sempre spenti di un bimbo, ciò che il mondo intero ricorderà fra pochi giorni (il sei agosto): la spada di damocle nucleare che ancora pende sulla testa dell'umanità. Ti ringrazio.
Ciao Dave.
Giancarlo

vecchio scarpone 25/07/2018 - 09:26

--------------------------------------

Veritiera e testimone dell'atrocita' dell'uomo.. grande

Dave Giacobs 25/07/2018 - 01:04

--------------------------------------

ti ringrazio per l'aprezzamento, e per le stelle.
Ciao Barbara.
Giancarlo

vecchio scarpone 24/07/2018 - 22:14

--------------------------------------

Molto bella 5 stelle meritatissime complimenti

Barbara Loy 24/07/2018 - 20:20

--------------------------------------

così sono le guerre, tutte le guerre, strazianti per chi li combatte e ancor di più per chi è costretto a subirle. E al giorno d'oggi sono sempre di più gli innocenti quelli costretti a pagare il prezzo più alto all'umana follia. La storia, le guerre del secolo breve, purtroppo non ci ha insegnato niente... se non a farci sempre più male. Ti ringrazio.
Ciao Teresa.
Giancarlo

vecchio scarpone 23/07/2018 - 22:09

--------------------------------------

Straziante...

Teresa Peluso 23/07/2018 - 21:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?