Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo n...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...
volevo descrivere fi...
Noi...
Cuccioli del mio cuo...
Cambio stagione...
MEDICI E INFERMIERI...
Si sa, l'unica cosa ...
Per te solo per te...
OTTOBRE...
La voglia di fare l'...
Un gattino come dono...
LA MIA MUSA...
equilibri...
Magutt...
Pareidolia (oppure ...
Il rumore delle onde...
Note d'amore....
Guarderò il futuro...
La mia gatta Gelsomi...
COVID-19: in Cina i ...
Fragore...
Evasione...
Pioggia...
Questa specie d\'amo...
Avanzare?...
FORMICA...
Ti aspetto....
HAIKU G...
I fiorellini del mio...
Il poeta e' prima di...
Il silenzio è quella...
La leggenda della Na...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

C'ERA UNA VOLTA

C'era una volta una vecchia stazione
ci passavano treni imprecisi
ed un bar solitario pieno di ombre rosse
discutevano insieme, quasi un po' nascoste.


E lì accanto di fronte a vecchie rotaie
era quasi estate nel duemilasei,
da quel vecchio cantiere s'innalzavan note,
era il rock che chiamava i figli suoi per nome.


C'era una volta un gruppetto inerme
giovani spensierati, tanto ingenui e folli,
senza il minimo orizzonte di sapienza
videro giusta la bella presenza.


Di produrre note non eran capaci
più che alto sembravan rumori di fondo,
ma col tempo, si sa, tutto poi migliora
e la vita, piano piano, si colora.


Primi amori son passati di qui,
in quel tempo che non tornerà.
Siamo noi, siam passati anche noi di qui...
... Where is my mind?


Il locale era pieno di arie brume,
e la gente era una addosso all'altra
e non nego che saliva la tensione,
caccia quello che hai dentro, grande istrione.


Salerno d'estate, sei bella sei bella,
io non so cos'è che ora parla con me,
son figlio del nulla e la mia vita è la strada
e la musica sai, verrà da sè!


La gabbia delle note di colpo svanirà,
nella tempesta un ricordo lascerà.


Vissuti, sofferti, gioiti,
un lustro passa sopra di noi,
tante canzoni, tante avventure:
fare la musica è la nostra vita.


E scorre dritta la Route 66
verso stazioni che non sai,
c'è qui un incrocio ora, tu lo sai,
andare dritto soltanto tu potrai.


Lasciamo indietro le cose più importanti,
di tanto in tanto a lor riguarderem,
ma indietro non si torna, non si torna,
è tutto fatto ormai... c'era una volta!



Share |


Poesia scritta il 30/11/2010 - 18:16
Da Manuel Miranda
Letta n.758 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?