Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

MUSCHIO...
Vita...
QUANDO SI CAPISCE...
La viltà di un uomo...
La precarietà dell'u...
Al suono del vento...
Giuramento d’amore...
Gocce d 'acqua...
Ineffabile destino...
Il viaggio (renga, c...
Invito a cena...
Il presente disse pa...
Sonetto - Profondo e...
E' tempo di innamora...
Si apriva e si chiud...
Innamorato...
IL VIAGGIO...
Non sappiamo quanto ...
Sirene...
Milena...
I ricordi...
Ceste di fiori...
Malinconica Tristezz...
Quesito...
Io e la Risolutezza...
Il buddha...
POVERI E RICCHI...
L'ultima foglia dell...
ultima foglia...
Era bello...
Numero trentadue...
ZIBALDONE...
La paura...
La mia Italia...
L'essenziale...
Mi disse parlami...
Il viaggio (Cartolin...
A DUE PASSI DA ME...
Speranza d’autunno...
Glorioso passato...
LVX...
ADRIANO...
Elucubrazione n. 6...
Sospesi in un tempo ...
L'autunno...
SE NON CAVALCHI LA T...
Con disgusto (concor...
In riva al mare...
Se non vinciamo tutt...
I NOSTRI GIORNI...
Casa...
La mente suggerisce ...
Buonanotte...
Se ti abbraccio non ...
Luna pretesa...
INVERNO...
IL CUORE DEI PENSIER...
I miei nemici alla f...
Il vela...
The Bergen Belsen...
09:35...
Grazie...
Notte senza luna...
Fermarsi...
Friedrich Nietzsche....
La Parola del Vangel...
Pelle...
Tenebre...
L'ultimo canto di Sa...
Ombre voraci...
Bambini del dolore...
Dipinta...
È novembre...
Dove nessuno si sent...
La felicità sempre p...
Sognare...
Meraviglia...
VITA E MORTE DI UNA ...
Vuoto Folle...
Il rimpianto...
Ombre...
UN QUADRO DI PERFEZI...
DESIDERIO...
RAGAZZA DI VITA...
MORTE ROSSA...
Sottile come il tem...
È Novembre...
Va' e porta Luce!...
DOVE FINISCE IL CIEL...
Un amore...
L' Avventuriero...
Danza...
Ciao Amore...
Estatici silenzi...
Come farfalle...
Sussurri dell'anima...
Mani bucate...
Abbraccio...
Visione...d'un viagg...
Luna spenta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

RITRATTO DI UN AMORE.

Non ricordo il giorno preciso
di quel tempo indeciso
che resta attorcigliato alla memoria
come un esile filo da ricamo.
Chissà chi ero quel giorno lontano
Eppure ricordo le mani
tremanti chiuse nelle tasche
e sento ancora il vento
sconquassare il cuore quando
stretti in quel ballo lento
cantavi a fior di labbra una canzone.
Povero amor lontano senza più nome.
Di te è rimasto solo quel ritratto
un maglione sulle spalle
un sorriso un pò beffardo
e sullo sfondo quella spiaggia
in bianco e nero che rinnega
i suoi colori e i suoi profumi
ma non il tuo che giunge ancora
portato da brezza sottovento
a ricordare quei giorni
dentro l'album dei ricordi.


Share |


Poesia scritta il 11/11/2013 - 19:45
Da FRANCESCA GUECI
Letta n.896 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?