Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

LUCIA...
Conto alla rovescia...
Il tuo sorriso è ent...
Albert Voss 1944...
Albero buono...
Ho chiesto di te...
TI VOLEVO SCRIVERE A...
Appagamenti...
LA MUSICA DEL CUORE ...
L’Alba del Serafino ...
Riconosciamo forme e...
Anni Sessanta...
RICOSTRUIRE IL C...
Tristezza...
Fisicità...
La barca...
E SE FOSSE L’AMORE.....
Sequenze da sogno e ...
Guardando questo cie...
Coltre...
SUA MAESTÀ...
Orchestra...
Simbiosi letteraria...
Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Un cielo stellato...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...
TROVARE LA FELIC...
Soltanto fortuna...
LA MORTE NEL CUORE...
Tra una carezza ed u...
INADEGUATEZZA...
L'usignolo malato...
Alpi...
STELLA...
Bisogna esercitare g...
Spot Lemondrink...
Dal mio giardino...
Ancor ti mostri all'...
La Historia Oficial-...
La dea bendata non c...
Memorie antiche...
Ho bisogno...
Luna...
UN FULMINE A CIEL SE...
GRAZIE ALL'AMORE......
MA CHE COLPA ABBIAMO...
Ritrovarmi...
Chiedi all'universo ...
Sognando gli aquilon...
Il simbolo dell'appa...
Chi pensa che, per e...
Isola che non c'è...
La cultura dell'amor...
E VIENE SERA...
INCOMPRESO SCAPIGL...
Notte...
C'eravamo tutti....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

PER NON DIMENTICARE

Fu il 27 Gennaio 1945,
quell’orror che terminò.
Chi ancor vivo intra le mura si trovava,
per la gioia de la libertà urlava.


Tanto patimento, tanto rimorso,
per chi sotto le lordi man rimase,
per chi non vide più la luce
del caro sole, che anche lui soffriva.


Quell’orror scatenato da cotidia follia
tanto costò ai cari fratelli
semiti; pagaron a caro prezzo
l’idee d’un folle capo di Germania.


Ah! Qual pena provo anch’io adesso,
nel rimembrar tanti ricordi maculati,
lordi di sangue umano, di tante alme
che mai più rivedran la loro casa.


Oh, qual malinteso fu
scintilla di così tanto patir?
Oh, se la scintilla niuna fu,
allora l’uomo gaudio ne provò.


Quale uomo folle più di lui
provò godere in tutto quel che fu?
E mentre lui godeva immensamente,
la morte incombeva sulla gente.


Ma come ogni idea folle finisce,
anche questa la morte alfin provò;
e adesso a provar più godimento
fuor (furono) gli Ebrei, che a casa ritornaron.


Or ben 12 Lustri son passati
da quando tutti furon liberà’;
e tutto ciò che avvenne da quel dì,
non accada mai più, nè or, nè mai...



Share |


Poesia scritta il 05/12/2010 - 18:35
Da Manuel Miranda
Letta n.753 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?