Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un giorno come tanti...
la spalla...
Vinca il migliore?...
Storia di una badant...
Il suono dei mostri...
Sorriso di stelle...
Sentirti...
Stagno...
Il pettirosso...
Chi salva...
Da Epigrammi Notturn...
Come hai potuto (ded...
Haiku n° 12...
UNA SERA...
Lo spettacolo più be...
Minimalismo siamese....
SEMBRA IERI...
Piccole Ali...
Che possa toccare un...
FINE DI UN AMO...
Non umana...
Portami via...
Notevole...
Dedicata a Grazia Gi...
I miei labirinti...
Metamorfosi...
La ragazza delle mil...
E' quando aspetti un...
Farfalla....
ANCORA ACCANTO A ME...
Sonno...
Storia di una badant...
La collezionista...
Si dice...
Stanca serata...
Nuvole e Gabbiani...
Andiamo avanti così...
Igor Michail...
Dell’inviolabilità d...
Canto del dove i sen...
Dammi...
In tempo di guerra...
Trilussa...
INCANTAMENTI...
IL BACIO...
Scorrono i giorni...
L'ARIA DEL MATTINO...
Haiku 66...
Cresco...
Il Dubbio...
Questa notte...
Nonostante tutto...
Sono figlio di una p...
Nuovo infinito...
AI MIEI FIGLI... ...
Terra di nessuno...
Ancora oggi siamo....
La Magia d'un tempo...
Diamanti...
L'OMBRA DEL PASSATO...
Il messaggio di Pasq...
la lunga strada per ...
A piedi nudi...
Storia di una badant...
A MIO PADRE...
Dedica...
Il bambino prodigio...
Siamo diversi per l...
Via del Sito...
L’identità...
L'inferno è sulla te...
I giovani e la crisi...
MILLE FORME...
HAIKU V...
Di quel sentire come...
Destino DiVino...
Il riflesso...
IL MONDO MUORE...
Se volessi dar credi...
Strofinaccio...
La quercia caduta d...
TORTA SOFFICE PALPIT...
Certi giorni d'inver...
Smile...
Fragranza di te...
Hai trovato una vecc...
Seta e profumi...
come......
Libertà...
Vivaddio...
Il vecchio porto...
Si fa giorno...
Tanka 24...
Semplici....
Estraniamento...
Stelle...
DAMMI IL TEMPO MADRE...
SOGNANDO L' AMORE...
IL NATALE...
Così ti guardo…...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Fino al crepuscolo

La cooperativa,
dei consumatori,
d'Italia
offriva,
in questo
strascico,
uggioso,
di scrosci,
bagnati:


Canti di Natale,
con venature,
jazz,
dal birdland
di New York.


Non avevo,
più,
le azioni,
del presente,
da adempiere,
un nuovo,
apparato,
scenico,
risvegliava,
il mio
coinvolgimento.


Modificazione,
datario,
alterazione
muraria.


Scansie
ricolme,
di beni,
esauribili,
manipolate,
in sedie,
tavoli,
e palco.


Un aggregato,
di polistrumentisti,
jazzavano
in un ambientazione,
anni settanta,
per orecchie,
e bocche
da tutto esaurito:


Concentrazione,
d'ascolto,
nel compiuto,
religioso,
silenzio.


Canti di Natale,
con venature
Jazz,
screpolavano,
le
incertezze,
affannose,
e i
malumori
pregiudizievoli,
inchiodandoli,
nel presente,
di un
futuro
dormiente,
tra spire,
confortevoli:


Supino
su un Amaca,
alla
camomilla,
sogni d'oro.


Ero compreso,
in quella,
contaminazione,
stilistica,
al birdland,
in una
New York,
miniaturizzata.


Inserita,
all'interno
di una,
palla di cristallo,
senza
tempo,
e leggi
della fisica,
con neve,
discendente,
da cartolina
fiabesca.


Brani,
cangianti,
nina nanne,
dal
genetliaco,
soggetto,
in completi
decorativi,
dondolavano,
asperità,
screpolate,
con venature
jazz,
fino al
crepuscolo.



Share |


Poesia scritta il 07/12/2019 - 16:19
Da Maurizio Vassalli
Letta n.87 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?