Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Nuovi eroi...
CADUTA LIBERA...
Domenica II...
La valigia...
I vecchi e i contadi...
Risveglio...
Tempi instabili...
AMORE ILLUSIONE...
Ci Manca...
Preghiera per un bam...
Sentire....
Un vero mistero...
Felicità...
L'uomo ed il cane da...
Se Cristo tornasse...
Note tra il vento...
Il pastore bianco...
L'ASCETA...
Per i sogni un posto...
Camici bianchi...
Dove andiamo...
Amanuense...
Lettera senza fine...
Isolamento...
Sconosciuti eroi...
Tu aspetti, io non c...
Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Croce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



MUOIONO I MARI

Un giorno ricorderò le onde
il suono e l’odore del mare.
Pochi decenni e le acque azzurre
lasceranno una rena salata
indurita avvelenata.
Sulla distesa di sabbia
una flotta di barche
arrugginite ormai scheletri
più non prenderanno il largo.
Ai confini d’un mare evaporato
resta l’azzurro del cielo
il manto di una Madonna
e celesti pareti di una casa.
Sono lì a ricordare
il lento morire del mare.
Il vento libero di soffiare
nel letto prosciugato
di quello che una volta
era l’infinito...
porta nell’aria epidemie.
Penitenti nomadi in cerca
di perdono rimarremo gli unici
spettatori della nostra
stupida avidità.
Perderemo il pianeta
che altro non è...
che la nostra casa.


Mirella Narducci



Share |


Poesia scritta il 11/02/2020 - 12:54
Da mirella narducci
Letta n.95 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Il tempo cancella le piaghe dell'uomo
mai il tuo testo Mirella Brava..
Ancora complimenti..

Salvatore Rastelli 12/02/2020 - 15:35

--------------------------------------

Sono d'accordo con quanto hai scritto nei tuoi mirabili versi, carissima Mirella. Purtroppo gli esseri umani sputano nel piatto dove mangiano e non si rendono conto che distruggere il pianeta per l'arrivismo ed i soldi vuol dire distruggere la terra su cui camminano i nostri piedi e vivono i loro stessi figli. In quanto ad ignoranza e stupidità, credo non facciamo invidia a nessuno. Buona serata, meravigliosa Poetessa

Gianny Mirra 12/02/2020 - 00:54

--------------------------------------

"resta...il manto di una Madonna"
Comprendo e condivido tutto il dolore

Mirko D. Mastro(Poeta) 11/02/2020 - 17:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?