Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...
volevo descrivere fi...
Noi...
Cuccioli del mio cuo...
Cambio stagione...
MEDICI E INFERMIERI...
Si sa, l'unica cosa ...
Per te solo per te...
OTTOBRE...
La voglia di fare l'...
Un gattino come dono...
LA MIA MUSA...
equilibri...
Magutt...
Pareidolia (oppure ...
Il rumore delle onde...
Note d'amore....
Guarderò il futuro...
La mia gatta Gelsomi...
COVID-19: in Cina i ...
Fragore...
Evasione...
Pioggia...
Questa specie d\'amo...
Avanzare?...
FORMICA...
Ti aspetto....
HAIKU G...
I fiorellini del mio...
Il poeta e' prima di...
Il silenzio è quella...
La leggenda della Na...
SULLE TRACCE DE...
Tradurti...
VIBRANTE DI VITA...
Al mio cane...
Il buco...
Sedoka 13...
Non aprire agli scon...
Il concetto di infin...
LA BARCHETTA DI CART...
VETERA ITINERA...
La ballata degli ero...
Clochard...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il segreto del contadino

Sotto la zolla
nasconde un segreto,
lo vede soltanto
la nebbia che cade.
Sanno i suoi gesti
di un palpito quieto,
non è troppo tardi
tornare a sperare.
Ha messo da parte
gli anni migliori,
serbava negli occhi
bei campi di grano,
stormivano allegri
ai colpi del sole,
le bionde trecce
sotto un palmo di mano.
Ha messo a tacere
la fame e l’affanno,
per mesi il suo sonno
non fu che sudore:
la sete dei campi
leniva piangendo,
leniva il suo cuore
col sole che muore.
Non è troppo tardi
tornare a sognare
ma di questo non sa
la nebbia che cade,
che bagna quel chicco
che sogna l’estate,
quel seme d’amore
sepolto per te.


Share |


Poesia scritta il 10/12/2010 - 13:56
Da Donna Pola
Letta n.997 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Sono curiosa di leggere la tua versione, allora! La poesia è ovunque vero?Baci

Donna 12/12/2010 - 12:31

--------------------------------------

cara Donna,bellissima questa tua descrizione del lavoro e la fatica di un lavoro così nobile dell'ormai quasi scomparso contadino...Sai anch'io gli ho dedicato una poesia,ma in versione molto caliente,apprezzandone la fisicità dovuta al suo duro lavoro,e non alle ore ed ore passate in palestra a fare bicipidi...Bravissimissimissima Donna!!!

adelaide 11/12/2010 - 21:15

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?