Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tramonta l\'Estate...
Lettera al cuore dal...
tepore d' Autunno...
Cuoricino...
A Ritroso...
Notte...
Prologhi d\'autunno...
willy...
Autunno che viene es...
Credi che mi sono pe...
Saper accettare i ca...
LUCIA...
Conto alla rovescia...
Il tuo sorriso è ent...
Albert Voss 1944...
Albero buono...
Ho chiesto di te...
TI VOLEVO SCRIVERE A...
Appagamenti...
LA MUSICA DEL CUORE ...
L’Alba del Serafino ...
Riconosciamo forme e...
Anni Sessanta...
RICOSTRUIRE IL C...
Tristezza...
Fisicità...
La barca...
E SE FOSSE L’AMORE.....
Sequenze da sogno e ...
Guardando questo cie...
Coltre...
SUA MAESTÀ...
Orchestra...
Simbiosi letteraria...
Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Un cielo stellato...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...
TROVARE LA FELIC...
Soltanto fortuna...
LA MORTE NEL CUORE...
Tra una carezza ed u...
INADEGUATEZZA...
L'usignolo malato...
Alpi...
STELLA...
Bisogna esercitare g...
Spot Lemondrink...
Dal mio giardino...
Ancor ti mostri all'...
La Historia Oficial-...
La dea bendata non c...
Memorie antiche...
Ho bisogno...
Luna...
UN FULMINE A CIEL SE...
GRAZIE ALL'AMORE......
MA CHE COLPA ABBIAMO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

I dialoghi delle Carmelitane

I dialoghi delle Carmelitane


Chiostri astratti in un tempo sospeso,
specchio inesistente senza cui guardarsi, un vestire dal sentire
asettico per preservare la propria
intimità.
Il mondo è fuori, con le sue grida,
le voragini e la vita,
qui invece solo silenzio inframmezato
da altri silenzi senza memoria.
Eppure eri bella,mentre mille sguardi
cadevano sul tuo corpo che i desideri
accendeva.
Le vostre preghiere, la rinuncia,
i dialoghi nei cortili senza luce.
Dio,Dio mio che male hai fatto?
Provo ad immaginare i tuoi capelli,
forse biondo platino, o neri,
caduti sotto la forbice in un rito assurdo che cancella l'identità.
nella bellezza delle forme.
Quel rosario tra le mani, grani di dolore da fare scivolare come un gioco tra le dita, in una visione contemplativa di una religione di segni, idoli ed uomini crocefissi.
Così il tuo pensiero vola, nessuna clausura potrà imprigionare le tue voglie, né il desiderio di sentirti ancora donna, anche quando senti scorrere dal tuo utero sangue inutile per procreare una nuova vita senza il bianco seme che feconda.
Dio, Dio mio ma cosa ho fatto?
E vorresti dormire, sentire mani che accarezzano il tuo seno, baciano il tuo collo, quella sconfinata tenerezza che ti pervade e si chiama Amore.


Ora devi andare, annunciano l'Angelus
non puoi mancare! Con soliti gesti
ti vesti, senza lo specchio in cui guardarti, senza il mondo che ti chiama, in un'abitudine assorta che ti porterà alla morte.


Io appartengo a te, con tutta me stessa, unico amante, unico respiro,
ma appartengo al mondo fuori, agli altri che soffrono a chi a bisogno del mio amore.
Dio, mio Dio, quanto male mi hai fatto!



Share |


Poesia scritta il 26/07/2020 - 14:45
Da Alpan .
Letta n.90 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Espressioni belle, ripensamenti che alcune suore specialmente quelle di clausura hanno.Dubbi che assalgono chi ha preso i voti senza convinzione. Il velo si prende per vocazione.

mirella narducci 03/08/2020 - 11:38

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?