Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La barca...
E SE FOSSE L’AMORE.....
Sequenze da sogno e ...
Guardando questo cie...
Coltre...
Orchestra...
Simbiosi letteraria...
Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Un cielo stellato...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...
TROVARE LA FELIC...
Soltanto fortuna...
LA MORTE NEL CUORE...
Tra una carezza ed u...
INADEGUATEZZA...
L'usignolo malato...
Alpi...
STELLA...
Bisogna esercitare g...
Spot Lemondrink...
Dal mio giardino...
Ancor ti mostri all'...
La Historia Oficial-...
La dea bendata non c...
Memorie antiche...
Ho bisogno...
Luna...
UN FULMINE A CIEL SE...
GRAZIE ALL'AMORE......
MA CHE COLPA ABBIAMO...
Ritrovarmi...
Chiedi all'universo ...
Sognando gli aquilon...
Il simbolo dell'appa...
Chi pensa che, per e...
Isola che non c'è...
La cultura dell'amor...
E VIENE SERA...
INCOMPRESO SCAPIGL...
Notte...
C'eravamo tutti....
Prologo...
Senza nessuna cura...
NOI...
Suggestioni campestr...
LA LUNA...
Luna...
Afflato di luna...
In mezzo al gelo...
L’Alba del Serafino ...
Mai Nato...
Presunzione...
Le fou...
Le donne di Boldini...
ACQUA e VITA...
Mi sveglio......
Qui ed ora...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

L'urgenza della pioggia

Sei tornato
come tornano le nubi a luglio:
senza annunciarsi, in un cielo
a lembi di cotone e perle
hai portato l'urgenza della pioggia
io me l'ero scordata
e non attendevo che un' altra fetta di sole
a stagliarsi bianca su un azzurro a perdifiato


ma la terra, anche lei sentivo: urlava umidità
quella che se ne sta rintanata
nel segreto delle rocce
e il dorso secco di queste mie mani recano
ancora il racconto della siccità
che le dita e le labbra hanno saputo,
ecco perché i miei campi
la sua erba rada, le sue spighe e il grano
si sono piegati, si sono flessi, e poi inchinati
al vento
del richiamo tuo
- inesorabile, inconsacrabile -
se ne stavano come rane a bocca spalancata
a gracidare
l'arrivo di quel tuo scroscìo,
o come fiammelle a far banchetto d'ossigeno
che tremano per il timore
di spegnersi
ma fremono per il timore opposto
di non potersi spegnere mai.



Non è qualcosa che ho preteso dal cielo
men che mai ho avuto ardore
di speranza, che farsene poi?
ma eccoti, piombi giù a voce grigia
veli e veli d'acqua
a insinuarti,
a scavare i cunicoli,
prepararti l'ombra, il piatto di cui ti cibi
a irrigarmi angoli di buio, posti che ho visto con te
e io, fatto di nuovo frattura,
sono pronto a sbocciare di poesia



Share |


Poesia scritta il 27/07/2020 - 17:44
Da Matih Bobek
Letta n.86 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?