Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Fuochi fatui?...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
Maschere e ragli...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stą a...
Ognuno di noi č imme...
Oplą!...
Chissą...
Ed č poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...
GOCCE D'ACQUA...
Prima ottava (Il Toc...
Cambiamento di stat...
Un prezzo troppo alt...
Lungo il cammino del...
Composizione n.379...
Stelle filanti (Bon ...
insicurezza...
CONCERTONE ROCK...
Al primo garrito...
Poesia in solitudine...
IL GIOCOLIERE...
QUATTRO HAIKU DELLE ...
Le increspature dell...
Harry Macdonald...
Per un poco...
(senza titolo)...
Vigilia di Natale 20...
Certezza...
Rosapelle...
VOLARE...
L'unica voce...
Lingua veloce e cerv...
Il mare in inverno...
DI TE NON SI RICORDE...
Le maschere del carn...
Il vero motivo del m...
Potevi essere felice...
INDIFFERENZA...
Idillio per Marta...
Pensami...
Somiglianze...
2 Grammi di noia...
Quel telefono senza ...
MARE D'INVERNO (Co...
Ogni tanti fassu sci...
Il Vesuvio...
Maschere...
Scrivo per voi...
Soffocare...
A te nonna....
L'ora pił buia...
Tremule foglie...
Son trascorsi tanti ...
Č TROPPO TARDI...
Dell'aria...
DEPRESSIONE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Pelle scura

(seguito di Dudł)
"...non guardare il colore della pelle, ma l'uomo che ci vive dentro."


Ti vidi
che la musica ti danzava accanto
e rimasi,
di nascosto,
a guardarti
ch'era bello vederti ballare.
Ti vidi che correvi
e ch'era pił veloce il tuo passo
di chi barava
per non farsi superare.
Ti vidi
che mi sorridevi
ma mi girai dall'altra parte
per non parlarti.
Forse l'autunno perde le foglie,
anche se ama i fiori,
cantavi per te sola,
mentre l'eco ti ascoltava.
Ti vidi sullo scoglio
con il vestito rosa
che ti copriva i capelli
ma non la bocca.
Avevi una mano chiusa,
forse per portarti via
qualche ricordo,
e l'altra aperta,
per lasciare che la vita
ti perdesse.
Ti vidi sollevare
come un vestito
riempito di paglia
a cui saltano i bottoni.
Ti vidi portare via
come un mobile da quattro soldi,
a cui non si presta attenzione.
Poi non ti vidi pił
e capii
ch'ero stato io a non capire
quanto io fossi diverso
e quanta tua bellezza
si era persa.



Share |


Poesia scritta il 14/01/2021 - 13:31
Da Arduino Crispino Ardoval
Letta n.134 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie Barbara, per i complimenti.
Buona seratalp

Arduino Crispino 20/01/2021 - 16:49

--------------------------------------

E' una poesia molto intensa e particolare!Complimenti sinceri Arduino

barbara tascone 16/01/2021 - 16:03

--------------------------------------

Grazie, apprezzo molto.

Ti auguro una dolce e serena giornata


Arduino Crispino 16/01/2021 - 09:15

--------------------------------------

Piaciuta immensamente, non riesco ad aggiungere altro.

Maria Luisa Bandiera 14/01/2021 - 15:24

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?