Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Campi desolati...
Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'č esistenza pi...
Io, papā e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerō l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavč la cāp o ciųc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Viviamo di calore um...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stā a...
Ognuno di noi č imme...
Oplā!...
Chissā...
Ed č poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Scorcio d'inverno

Dall'alto loco ove io mi trovai ,
miravo il bel paese destarsi a giorno.
Le nubi coprivan il bel sorriso d'Apollo
grige,fredde, mute,
tutto era ancor nel pigro risveglio
d' intorno.
Ma come ferro fende telo,
squarcionsi la nubila al raggio guerriero
gli alti pini eran meta di sparuti stormi
Infreddoliti.
Io nello scuro giorno ero spettatore.
Di lungi la marina brillava oltre i monti ,
si che mi sentivo rapito dal lontano
mareggiar.
Mi dava il duol veder questa natura
spenta
volevo sentir l allegro cinguettio,
Il profumo del polline ,
l 'aere mite gravida d 'aromi .
Luce bella,calda che popoli i giorni
della rinascita .!
Eppur in quel mirare mi era dolce
sentor di ricordi ,
giorni lontani; affetti
nel mese di gennaio


Corrado cioci



Share |


Poesia scritta il 16/01/2021 - 11:30
Da corrado cioci
Letta n.93 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Condivido il commento di Maria Luisa... Un bel poetare dal sapore antico che mi affascina!

Margherita Pisano 17/01/2021 - 10:35

--------------------------------------

Dall'inizio alla fine un bel poetare, lirica molto apprezzata.

Maria Luisa Bandiera 16/01/2021 - 16:43

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?