Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Non voglio sentire i...
Tutta la vita...
Tra Rosse Aurore ed ...
Filastrocca...
La quercia...
Vento dell'est...
Pearl River...
LA VITA...
L’alba dai Colli Eug...
Soggetto Beta I°epis...
Giorni...
Reprobi Angelus 12....
Ora che non guardo p...
Albeggia...
Svegliarsi...
La casa di Elisabeth...
RICORDI PENSIERI ...
Fido Randagio...
Abitudine...
Pensieri confusi...
GRIDA...
Cravatte...
Incredibile che rina...
Come Fa Il Vento...
Dove sei.......
LA SCARPETTA DOMENIC...
Il Tramonto...
Capo Bianco...
Incendio...
FINALMENTE SI SPOSA...
Tutto senza capire...
Illusione d'amore...
Le promesse spese...
Trovare la chiave pe...
Dio è in te,nella mi...
L'uomo può avere con...
Fabbrico nostalgie ...
Oltre i tuoi capelli...
Uomini e Donne… Sold...
Murales...
Il fieno tra i capel...
Malinconico Maggio...
Sete di libertà...
Case dalle finestre ...
GIOVANE AMORE...
HAIKU 6...
Vento d'estate...
Calde lacrime...
Confusa e felice...
LUCCIOLE...
Pianto di stelle...
....interferenza...
Granito...
Canto dell' amore ri...
Il Papavero...
haiku 10...
I GATTI DEL QUARTIER...
Reprobi Angelus 11....
In questi momenti bu...
“MADRIGALE” PER LA M...
La chiglia s'incagli...
Il palcoscenico dell...
Donna Violante...
SOGNO E PENSIERO...
Follia dell'uomo...
ACCENDI LA PASS...
Talvolta...
Ovunque ella or sia...
Petali...
lago Maggiore...
E' solo tardi...
PAREIDOLIA...
I malati diversi fra...
Un dono gradito....
DELIZIATO INCANTO...
Supermarket question...
Ovattati pensieri...
LA BUSTA PAGA...
Reprobi Angelus 10....
RONDINI...
NOZZE DI CORALLO DEL...
Cuore di farfalla...
Arruda...
Haiku 2...
La porta del cuore...
Affresco di primaver...
Raccolto di vita...
FELICITA’ NASCOSTA...
LA VIA DEI CAMPI - P...
IO NON SO...
Vuoto a perdere...
Soggetto...
VILI...
Tempesta...
HAIKU 5...
La Cinciallegra...
Il dono più prezioso...
Insieme...
LA RUSSIA HA OLTRE C...
Domanda antalgica....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



NON VOLA PIU' LA COLOMBA

Era ocra un giorno la terra di quel sentiero,
ora è rossa al passar di piedi insanguinati.
Un tempo fresca la fonte
di quello sperduto angolo di pace
che ora non esiste più.
Acqua avvelenata, le case sembrano antichi ruderi.
Alberi verdi un giorno.
La morte non è più un rito,
solo un triste evento quotidiano.
Si smarrisce la civiltà
colpita non dal tempo
ma dall’oblio dei sogni dimenticati.
Mani infami che vogliono essere peggiori
ogni giorno di più.
Colpire, uccidere, straziare i corpi,
affascina di più,
per intenti ormai nemmeno umani.
E’ scomparsa anche la colomba,
non vola più.
Si aggirano sui rami solo neri corvi,
innocenti volatili che ci piace pensare
come esseri immondi perché neri,
perché il giorno deve essere
ormai tutto oscuro
così non si confonde più
con la nera notte di una civiltà perduta.


Share |


Poesia scritta il 03/04/2022 - 20:03
Da ALFONSO BORDONARO
Letta n.131 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Un dolore annunciato da mani insulse che prendono, stringono e soffocano l'umanità, dove si è perso il senso del risveglio di una coscienza cosmica. Profondamente bella.
Grazie Alfonso

Margherita Pisano 05/04/2022 - 21:15

--------------------------------------

Una poesia dall'intenso ed importante significato, ricca di immagini dal riflesso sociale. Complimenti.

santa scardino 04/04/2022 - 21:39

--------------------------------------

Una poesia capace di reggere una denuncia sociale a 365 gradi.
Non era facile.
Mi congratulo vivamente.

Ernesto D’Onise 04/04/2022 - 13:26

--------------------------------------

Complimenti, molto bella.

mario Righi 04/04/2022 - 12:33

--------------------------------------

Bravo caro Alfonso, con gratitudine ti ringrazio per aver sottolineato un vero pasticcio di un uomo indegno di essere definito tale... Tonino ciao

FADDA TONINO 04/04/2022 - 10:53

--------------------------------------

Complimenti, enunciamolo anche attraverso la poesia questo abominio dato dalle guerre!

Maria Luisa Bandiera 04/04/2022 - 07:37

--------------------------------------

ALFONSO... Si respira aria di morte l'umanità ha perso umanità non è un gioco di parole è vedere come l'egoismo e il denaro uccidono gli uomini. I deboli pagano con la vita mentre qualche pazzo invece di ringraziare Dio di aprire gli occhi al mattino si prepara a distruggere il mondo. Bellissima poesia.
Grazie di esserci.

mirella narducci 04/04/2022 - 00:00

--------------------------------------

Bella e chiara denuncia in poesia.
Profondamente condivisa e apprezzata.
Complimenti

Marina Assanti 03/04/2022 - 21:47

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?