Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Primo Novembre...
HAIKU I...
IL TEMPO...
Anch'io ho paura...
SOMMESSI...
Bagliori sospesi...
Per non dimenticare...
Alla mia città...
Luci sulla veglia...
Vecchio...
OMBRELLO...
Estensione (come son...
L'ultimo valzer...
Trudy...
Stanotte ti ho sogna...
I bagagli delle nost...
Le sensazioni infini...
Silenzio...
PANDEMIA ECONOMICA...
L’attimo in cui ho c...
LA VITA COME UN RAGG...
Inadeguato...
FUOCO E FIAMME...
Le nostre begonie...
Il mio faro nel mare...
FLETVS...
Sogni notturni...
Polvere...
La disputa...
POETA...
Gocce di solidarietà...
Piccoli segreti...
Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo c...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Desertica Luna

Le vene del tempo
mi ricoprono il viso,
ma mai quanto quella volta
che attraversai il mare
di vento.


Sento come echi lontani, sulla luna,
mentre una pioggia di stelle
bagna l’atmosfera di cenere,
eppure i suoni mi giungono sulla pelle
come lame di spada.
Non c'è nulla da fare
quando il desertico mare
si affaccia d'innanzi ai tuoi piedi,
forse un lontano bisbiglio delle rocce
permette alle lacrime
di attraversarlo.


Questa è la faccia della luna,
grigia come i cappotti
degli uomini infernali,
ma nonostante la cecità
qui giace un sapore arcano
la cui porta è il silenzio.


Lontani da questo
non si può che osservare le formiche
nel piccolo vaso di cristallo
come piangono
agli occhi del loro padre.
Incuranti
si nutrono della loro morte.



Share |


Poesia scritta il 01/09/2014 - 19:15
Da Lorenzo Arcaleni
Letta n.926 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Ottimo messaggio Vera ;)

Lorenzo Arcaleni 02/09/2014 - 14:02

--------------------------------------

Nulla di ciò che emerge dalle profondità del nostro essere, deve turbarci...Tutto va solo <accolto e utilizzato>, scoprendone <messaggio e dono>. Vera

Vera Lezzi 02/09/2014 - 13:58

--------------------------------------

Grazie mille a tutti :)

Lorenzo Arcaleni 02/09/2014 - 10:03

--------------------------------------

TANTA TRISTEZZA e rammarico in questa tua,
con versi ricchi di sentimento,molto bella,le lacrime ,liberatorie.
Sempre intensi i tuoi versi. COMPLIMENTI LORENZO

genoveffa 2 frau 02/09/2014 - 08:51

--------------------------------------

Una poesia apprezzata per la tecnica espressiva e per quanto decantato con un velo di risentimento...

Rocco Michele LETTINI 02/09/2014 - 03:48

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?