Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

+...
Una, nessuna, centom...
Strappi dell'anima...
La Grande Statua...
SEMPLICE PENSIERO...
In cambio di un tram...
TANKA 1...
Nel Canto della Sire...
Di lei parlerà il ve...
L'orecchino é impor...
Cuori innamorati...
Finestra...
Treno, mon amour...
Per chi ama la music...
Naracauli...
oggiscrivo...
Un respiro della not...
Aironi...
Stretta a te...
La pena capitale...
Cumuli di pioggia...
Bestiario di un corp...
Nell'acerbo sorriso...
L'amica alba...
Se la miseria del mo...
L' ALBA DELLA VITA...
Fragilità...
LETTURA ELEGANZA ...
HAIKU D1...
Nebbia e setaccio...
Decisioni difficili ...
Dove le parole finis...
Amare...
Di getto...
Mai la vita appare c...
I giudizi sono sempr...
Paperino non ricorda...
Derealizzazione...
Continua ricerca...
Sanguina il cuore...
Il Filo...
Senza un altro doman...
Me muae (mia madre)...
Dio sole...
Tanka 11...
All'amica ritrovata...
SEI BELLISSIMA...
Carnevale di fantasi...
A che serve tornare?...
LA PIUMA...
Tempo (misura terza)...
Tu, sempre con me...
Tanka 2...
TEATRO DI STELLE...
Sospiri...
AMORE...
Il re del ballo...
L’insegnamento del p...
Dedicata a Giuranna ...
tu esisti...
Ode Nonsense...
AMORE LEOPARDIANO...
Utopica speranza...
Doppio sogno...
Coronavirus ... quel...
Virus...
Dica trentatré......
La pazza...
Tanka 29...
Ci baciavamo...
tempo d'aurora...
Poi pensi di conosce...
Rondini in viaggio...
Virus......
Nel chiuder quella p...
La merlettaia...
HAIKU C...
Un danzare di voci...
Suggestione di Febbr...
L'ETA' DEL CINISMO...
Notte d'inverno...
Due amori all'età de...
IL DUBBIO...
Un giorno finito...
Spiriti protettori...
DANZA DELLA PIOGGIA...
La Casertana...
Notti infauste...
Se vuoi sapere a cos...
LE TUE MANI...
La luce dell'univers...
Non fermarti...
Sei tu il mio redent...
Il fiore di Ranchipu...
Decisioni difficili ...
Credevo......
Homo Italica...
Contrappasso...
Inverno...
Attorno alla cera...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Notevole

Eccolo che anche oggi arriva. Fa girare i pedali con la stessa leggerezza che accompagna lo scorrere dell’unica solita via che cambia solo il nome che assume percorrendola. Che poi uno non sarebbe nemmeno obbligato a percorrerla per arrivare in qualche posto visti i parecchi negozi chiusi forse perché qualcuno si è stufato, o solo ha scelto di andarsene. Tra quelli rimasti c’è chi espone quasi tutti i giorni, e chi ogni tanto… ma lui è per la merce di buona qualità che capita non ottenga sempre il giusto gradimento. E capita che la gente in strada ne parli. Quasi sempre la stessa. Il più delle volte si scambia la cortesia. Ma è obiettiva la qualità della riparazione dei suoi mocassini appena ritirati dal ciabattino al fondo del passeggio. Ne ascolta il rumore sul battuto che si sposa con lo scorrere del moto misurato di una foglia che accompagna la fervida fantasia della parte terminale dei pantaloni che vorrebbe tanto congedarsi dalla molletta per giocarsela col fazzoletto a bandiera insieme a un gruppetto di bambini. E’ allora che imbraccia di buona lena la mirella e inizia a pedalare. “Ciao Mastro” lo saluta quello a cui non importa un fico secco se sventolano i pennacchi o brillano lustrini. E mentre stringe forte sui freni a bacchetta per ricambiare il saluto, una margherita si accorge che la cromatura dei parafanghi aggiunge fulgidezza al sole.



-ispirato dal testo “Via del Sito” di Ida e dai relativi pareri espressi.
Dedicato a Anna Maria, Mirella, Maria Luisa e Margherita




Share |


Racconto scritto il 22/01/2020 - 19:21
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.156 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Mirko,
mi accorgo ora di questo tuo ironico post. E anche se temo di non averlo compreso del tutto ... sono lieta di averti ispirato.

Ida Falconeri 24/01/2020 - 20:53

--------------------------------------

Tra i negozi chiusi e quelli rimasti avrei tanto sperato di incontrare la tua bancarella di palle di vetro con la neve.
Una volta capovolgendone una sentii una goccia domandare “E se mi ribellassi?”. L’acqua rispose “Usciresti da te stessa e con te perderesti ciò che ti contiene e contieni rendendoti quale sei”.
Non mi resta che continuare a pedalare nella fulgidezza del sole.

Un piccolo contributo riadattato da Una goccia e il mare di Ida Falconeri


Mirko D. Mastro(Poeta) 23/01/2020 - 19:13

--------------------------------------

Sei geniale!!!
A passeggio su questo racconto ho raccolto...creatività e pure dolcezza, quella che ti contraddistingue sempre!
Grazie Mirko

Margherita Pisano 22/01/2020 - 20:52

--------------------------------------

Mi sono trovata,grazie!
La tua notevole creatività e grazia innervano questo racconto!

Anna Maria Foglia 22/01/2020 - 20:25

--------------------------------------

Sembra uno di quei giochi...cerca le parole nascoste...
STREPITOSO

Grazia Giuliani 22/01/2020 - 19:56

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?