Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Un cielo stellato...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Attimo...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...
TROVARE LA FELIC...
Soltanto fortuna...
LA MORTE NEL CUORE...
Tra una carezza ed u...
INADEGUATEZZA...
L'usignolo malato...
Alpi...
STELLA...
Bisogna esercitare g...
Spot Lemondrink...
Dal mio giardino...
Ancor ti mostri all'...
La Historia Oficial-...
La dea bendata non c...
Memorie antiche...
Ho bisogno...
Luna...
UN FULMINE A CIEL SE...
GRAZIE ALL'AMORE......
MA CHE COLPA ABBIAMO...
Ritrovarmi...
Chiedi all'universo ...
Sognando gli aquilon...
Il simbolo dell'appa...
Chi pensa che, per e...
Isola che non c'è...
La cultura dell'amor...
E VIENE SERA...
INCOMPRESO SCAPIGL...
Notte...
C'eravamo tutti....
Prologo...
Senza nessuna cura...
NOI...
Suggestioni campestr...
LA LUNA...
Luna...
Afflato di luna...
In mezzo al gelo...
L’Alba del Serafino ...
Mai Nato...
Presunzione...
Le fou...
Le donne di Boldini...
ACQUA e VITA...
Mi sveglio......
Qui ed ora...
Aquilone...
Sei...
L' essere umano è ab...
Lo specchio...
Spazi incompresi...
Sogno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



L’autore del tomo- Samael 13:17.4

Noli occidere



Bufala per quattro stagioni


Non metterò questi righi nel tomo, non è un nuovo capitolo o un’appendice. E’ più una richiesta d’aiuto. L’urlo disperato di una stella imprigionata dentro al cielo, dentro le sue leggi senza poter lasciare la scacchiera.
Samael, se è vero che sono stato io a crearti ora è tempo che tu mi restituisca il favore. Come ben saprai qui le cose vanno male. Si dice che se la pandemia non sarà stata contenuta verrà dichiarato il biocontenimento. Che parolona. Il più alto grado di controllo: i protocolli prevedono che il mondo intero si fermi completamente per 21 giorni. Checkpoint militari approntati garantiranno i rifornimenti necessari alla popolazione…
<Rigido o no, l’isolamento ora è la cura. Non sei d’accordo con me?>.
Probabilmente. Bentornato. Sei al corrente? <Etiam. Sì, scusa>.
Fra l’urlo e il silenzio c’era un sospiro. Ora appartiene tutto a Mefisto.
<Che ti serve… sono in debito con te>.
Ho pensato tu possa fare qualcosa per i miei ragazzi. Portarli lontano, tenerli con te. Qualcosa. Risparmiagli questa primavera apparente!
<Un modo ci sarebbe…>.
Un odore sgradevole di plastica mi fece chiudere e riaprire gli occhi, questione di pochi secondi.
Lo stesso odore dei guanti in lattice che utilizzo ogni giorno essendo costretto a toccare superfici ambientali. Dicevo…pochi secondi. Ero solo. Sulla tavola tra due mascherine di quelle col filtro, un tablet. Lo schermo illuminato, e un post it <Icona tonda in alto a destra, Samael>.
Diavolo di un angelo, che significherà!? Questi cosi tecnologici li capisco poco.
Mia moglie dorme. Nella stanza più grande i letti dei bambini sono vuoti!
Signore, che ho fatto…


Una sigaretta in balcone, l’alba già vecchia sui tetti delle case. Un battito d’ali, zuppe del caffè nella tazza, al cuore… che dirò a mia moglie!? Si sveglierà e non troverà i bambini. Se le raccontassi di Samael mi darebbe per matto. I bambini, dove ho messo quel tablet… Sulla tavola, con lo schermo sempre acceso mi accorgo dell’icona. Poco convinto la sfioro. Si apre uno di quei giochi che piacciono ai ragazzi. Una serie di scritte su sfondo italico cominciano ad apparire come impazzite:
Luce, Orma di Dio. E ancora Eroe bianco con anima nera.
E Samael. Che ci fa seduto sotto l’Ala col mercato, ai piedi della Torre Civica? Lo sfondo mi pare di riconoscerlo… un’altra scritta, questa volta su di una pergamena: Cisuliacum. Forse il nome del gioco. Ok, Wikipedia… bella questa, il nome del mio paese quando fu borgo romano.
Scopo del ludus: dare una mano alla moglie del governatore a recuperare quante più possibili monete di Ottaviano Augusto, Traiano e Adriano. E bonus per quelle col faccione di Giulio Cesare, da offrire in segno di ringraziamento a Santa Caterina affinchè scongiuri la peste che nel 1576 colpirà il piccolo insediamento. Mentre il marito presidia il guado sul fiume Dora Baltea.
E che ci azzeccano i bambini!? Ancora scritte… Tre aiuti:
1) Adonay, rifrazione della Luce che gli umani contemplano nell’arcobaleno. Non posso crederci, il personaggio ha il volto del mio Simone…
2) Jach, l’orma di Dio nelle vibrazioni delle note musicali. L’omino è Samuele, pazzesco.
3) Eleh il Bianco, con anima nera. Non poteva mancare Nicolò.
I miei ragazzi… ma che diavoleria è questa!? Le schermate sono piacevoli, i loro volti sereni.


“Arrivo cara”, mia moglie è sveglia. Ora che le dico…
Forse ho le traveggole. Attorno alla tavola lei e i bambini mi aspettano per la colazione.
Che il virus si sia preso pena e abbia scelto di infettare unicamente il dispositivo…
Lasciandoci. Stanco forse di sfruttare le nostre vulnerabilità?


(4/9)





che si tratti della nera
signora con la falce
o solo tomba di marmo
e terra, e calce
ho paura della morte




Share |


Racconto scritto il 10/08/2020 - 19:10
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.98 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie...

Mirko D. Mastro(Poeta) 14/08/2020 - 11:48

--------------------------------------

Sul filo della realtà l'autore del tomo lascia il segno... Fino a una colazione di famiglia che fa tirare un sospiro di sollievo!

Grazia Giuliani 12/08/2020 - 16:12

--------------------------------------

Anch’io ho paura della morte. Complimenti per questa tua. E perché sei fedele al tuo principale tuo personaggio: la famiglia .

Ernesto D’Onise 11/08/2020 - 14:54

--------------------------------------

La morte che fa più paura è soprattutto quelle delle persone care, quella dei figli è la più terrificante: non si osa neanche pensarla.
Ciao Mirko e buona serata.

Anna Maria Foglia 10/08/2020 - 19:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?