Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

VITTORIA...
Poesia è......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Fuochi fatui?...
Venite...
Stelle filanti (Benè...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
Maschere e ragli...
parlami ......della ...
Il silenzio è parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stà a...
Ognuno di noi è imme...
Oplà!...
Chissà...
Ed è poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...
GOCCE D'ACQUA...
Prima ottava (Il Toc...
Cambiamento di stat...
Un prezzo troppo alt...
Lungo il cammino del...
Composizione n.379...
Stelle filanti (Bon ...
insicurezza...
CONCERTONE ROCK...
Al primo garrito...
Poesia in solitudine...
IL GIOCOLIERE...
QUATTRO HAIKU DELLE ...
Le increspature dell...
Harry Macdonald...
Per un poco...
(senza titolo)...
Vigilia di Natale 20...
Certezza...
Rosapelle...
VOLARE...
L'unica voce...
Lingua veloce e cerv...
Il mare in inverno...
DI TE NON SI RICORDE...
Le maschere del carn...
Il vero motivo del m...
Potevi essere felice...
INDIFFERENZA...
Idillio per Marta...
Pensami...
Somiglianze...
2 Grammi di noia...
Quel telefono senza ...
MARE D'INVERNO (Co...
Ogni tanti fassu sci...
Il Vesuvio...
Maschere...
Scrivo per voi...
Soffocare...
A te nonna....
L'ora più buia...
Tremule foglie...
Son trascorsi tanti ...
È TROPPO TARDI...
Dell'aria...
DEPRESSIONE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Un vecchio libro di favole

“ Mi avevano relegato lì, in soffitta, in uno scatolone con tanti altri miei fratelli, dopo tanto tempo, avevo ancora dei bei colori, una copertina sgargiante con una bellissima figura che rappresentava un po’ il mio mondo. C’ era il principe e la principessa, l’ orco cattivo e il gatto con gli stivali.
Ma tutti si erano dimenticati di me e nessuno più, apriva le mie piacevoli pagine, nemmeno per vedere le mie illustrazioni.
Li avevo sentiti parlare:” “ Ormai non serve più, cosa ne facciamo, lo buttiamo?”
“ Poi qualcuno, impietosito, da quel poco affetto che gli era rimasto nei miei confronti rispose:”
“ No, lo conserveremo in soffitta, con gli altri libri che ormai non leggiamo più.”
“ Mi sentivo una nullità, io che avevo riempito i sogni di tantissimi bambini e le mamme, che mi avevano aperto e sfogliato per anni, adesso mi mettevano tra le cose inutili; impolverato e praticamente paralizzato.
Un giorno, in cui mi sentivo particolarmente depresso e qualche lacrimuccia scendeva da un vecchio segnalibro, infilato tra i miei fogli, sentì le voci di alcuni bambini che salivano le scale, che conducevano proprio in soffitta.
I bimbi erano molto eccitati, stavano facendo qualcosa di proibito, infatti, i genitori non volevano che venissero su, per paura che si potessero fare del male.
Le loro voci briose, mi destarono dal sonno profondo ed un leggero battito, mi pervase. Li sentivo felici mentre dicevano:”
“ Ecco dei vecchi giocattoli! C’è il cavallino a dondolo, guarda, guarda, cosa ho trovato?”
“ Stava dicendo Mirko ad Elena:”
“ C’è anche la pista con le macchinine, che bello!”
“ Elena, dal canto suo entusiasta:”
“ C’è anche una vecchia bambola, si chiama Petula! Guarda com'è piena di polvere!”
“ A quel punto, presi coraggio e con la voce un po’ roca dissi: bambini ci sono anch'io, mi vedete?
Sono qui al buio in questo grigio scatolone, venite a liberarmi... posso ancora suscitare emozioni ed ho delle bellissime storie da raccontarvi!
Ma loro non udirono la mia voce e dopo averli chiamati per un bel po’, mi rassegnai all'idea che sarei dovuto restare per sempre rinchiuso lì dentro, fino a che i tarli della carta non mi avrebbero consumato tutto.
Cominciai a piangere, fra una frase e l’ altra, bagnando Alice nel Paese delle Meraviglie ed anche Pollicino.
Mirko ed Elena si divertivano un mondo, con quei vecchi giochi; improvvisamente, Elena disse:”
“ Guarda ci sono altri scatoloni, vediamo cosa c’è dentro.”
“ La bimba, dopo aver aperto lo scatolone, delusa disse:”
“ Ma sono solo dei vecchi libri…”
“ Intanto, in cuor mio dicevo: aprimi, vedi come sono bello, ti piacerò... La bimba mi prese e mi guardò distrattamente, soffermandosi su alcune bellissime illustrazioni colorate, ma poi, senza pensarci nemmeno un secondo, mi ributtò giù. La mia fine era ormai segnata, non avevo più nessuna aspettativa; mentre stavano per andar via, improvvisamente Elena si voltò e disse a Mirko:”
“ Aspetta, aspetta voglio prendere quel libro con le pagine colorate.”
“ E così, mi cercò nuovamente fra tutti gli altri libri e mi portò via con sé. La mia gioia era tanta, non stavo più nella copertina, adesso, non vedevo l’ ora di essere coccolato, accarezzato, letto, ma purtroppo, quando Elena mi posò sul comodino senza nemmeno guardarmi, restai intimamente deluso, lei preferì stare al computer e giocare con la Wii e con altri giochi diabolici e questo fino a tarda sera.
Pensai, adesso finalmente, quando andrà a letto mi darà un occhiata, infatti, appena si mise fra le lenzuola, si accorse di me e pensò di leggermi, ma non fece in tempo ad aprire nemmeno la prima pagina che si addormentò.
Questa situazione si protrasse per giorni e giorni, rassegnato, pensai che non sarebbe cambiato nulla.
Una sera, che Elena stava poco bene ed aveva una leggera febbricola, la mamma l’ accompagnò a letto e sedendosi accanto a lei mi notò, nascosto nel comodino in mezzo all'iPad, ed al Nintendo, esclamò meravigliata:”
“ Il mio vecchio libro di Fiabe! Dove lo hai trovato?”
“ Elena aveva paura di essere sgridata, ma essendo una bambina molto sincera, incapace di dire bugie, rispose candidamente:”
“ In soffitta!”
“ La mamma la rimproverò ma poi aggiunse:”
“ Sai tesoro, questo è il mio primo libro, il regalo dei miei genitori al mio decimo compleanno, l’ ho sempre tenuto con me, è stato un amico prezioso, mi sono divertita leggendolo e guardando le sue bellissime immagini.
L’ ho trattato con cura e la sera mi addormentavo fra le sue pagine, mi fa piacere che l’ hai trovato, così potrai godere anche tu, della sua compagnia.”
“ Elena guardò la mamma con stupore:”
“ Compagnia? Come può un libro, qualcosa di inanimato farmi compagnia?”
“ La madre la guardò con tenerezza, la colpa era anche sua, per non averle spiegato l’ importanza dei libri, e quanto può essere piacevole leggere, oltre che arricchirsi culturalmente.
Io mi sentivo volare dalla felicità, finalmente riascoltavo le parole che per tanti anni non avevo più udito. Quello che avevo sempre sognato, era diventare vecchio ed ingiallito, fra le mani di tanti bambini che si allietavano, non solo nel leggermi, ma nel raccontarmi ad altri.
Così il tempo passò ed Elena non mi abbandonò più e quando divenne mamma, ogni sera, per fare addormentare i suoi piccoli, mi apriva e sceglieva una storia a caso e gliela leggeva con trasporto.
I figli aspettavano con ansia la sera, per ascoltare ancora queste fiabe antiche, ma con il loro fascino immutato.
Ed io…? Eccomi qua, con qualche foglio sgualcito e scolorito, ma pur sempre felice, di riempire i sogni e le fantasie di molti altri bambini.
Ed anche se la tecnologia, ha preso il posto della creatività e dell’ immaginazione, si può trovare pure, un piccolissimo posto per un vecchio libro di fiabe come me!”



Share |


Racconto scritto il 21/01/2021 - 05:46
Da Anna Rossi
Letta n.156 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Grazie di cuore Margherita

Anna Rossi 26/01/2021 - 08:02

--------------------------------------

Che bella storia hai raccontato, Anna... colma di significato, la tecnologia non potrà mai sostituire il piacere che si prova nel toccare la carta e voltare la pagina di un libro...quando poi è di fiabe ancora di più, rimane il profumo dell'infanzia tra le righe! Sei bravissima complimenti

Margherita Pisano 24/01/2021 - 08:26

--------------------------------------

Un racconto molto tenero e significativo, su cui riflettere.
A me ha ricordato la mia infanzia felice, ricca di stimoli letterari che ancora conservo gelosamente nel cuore, insieme a tanti vecchi libri che non metterò mai da parte. Brava!

Afrodite T 21/01/2021 - 17:21

--------------------------------------

Originale l’idea del libro personificato che fa nascere questo racconto scritto magistralmente! Mi ha ricordato un mio vecchio libro di fiabe sulle cui immagini mi perdevo a fantasticare da bambina.

Anna Maria Foglia 21/01/2021 - 16:40

--------------------------------------

Grazie di cuore Maria Luisa e ancora complimenti per la tua bellissima lirica

Anna Rossi 21/01/2021 - 15:55

--------------------------------------

Carissimo Aurelio è sempre un gran piacere ritrovarti, grazie del tuo graditissimo commento

Anna Rossi 21/01/2021 - 15:54

--------------------------------------

Una bella favola molto ben strutturata che si legge con grande piacere fino alla fine. E così che dovrebbe essere: i libri di favole non meritano mai la soffitta ma di passare di generazione in generazione. Complimenti!

Maria Luisa Bandiera 21/01/2021 - 15:38

--------------------------------------

Geniale intuizione narrativa quella di personalizzare, addirittura far respirare, ansimare, allietare, un vecchio libro di favole. Lo scorrere del racconto favorisce una piena aderenza sentimentale e affettiva verso qualcosa (in questo caso, qualcuno) che troppo presto si dimentica crescendo. La nostra potenzialità del sogno, tecnologia o no, non può prescindere da assist romantici che una favola riesce a trasmettere. Bravissima Anna, mi hai coinvolto con tanta classe e col talento della scrittura che ti ho sempre riconosciuto. Ti abbraccio forte!

Aurelio Zucchi 21/01/2021 - 14:26

--------------------------------------

Grazie Salvatore sei stato molto gentile a leggermi.

Anna Rossi 21/01/2021 - 11:04

--------------------------------------

Affascinante stupendo il tuo racconto.
Complimenti Anna..

Salvatore Rastelli 21/01/2021 - 11:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?