Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vista sul golfo di T...
Nebbie...
Val d’Ultimo....
Dolce luna...
RISURREZIONE E S...
Haiku 12...
Chi pur nell'ira la ...
Cielo incommensurabi...
Il Consenso...
I capricci della scr...
Il lento fluire del ...
LUNA...
Un tempo...un mondo....
Punti di vista...
Come un randagio...
Post meridiem...
SCRIVERE LIBERA D...
PROGETTO ESTETICO (C...
Le chiavi del paradi...
GROVIGLI DI SOSPIRI...
NeRA...
La realtà percepita ...
Haiku...
La calunnia...
A TUTTE LE DONNE...
L\'unica verità...
Questo è il Natale...
GENTILEZZA...
IL MITE PORTINAIO...
Conserviamo la genti...
HAIKU 1...
Femminicidio...
Far del giorno...
La luce vince l'ombr...
GRIDARE MI FA BEN...
Scegli la Vita...
Sole o pioggia?...
Se le persone dedica...
DOVE FINISCE IL CIEL...
C'era una volta il r...
Colmi...
Un sogno anelato...
Le domande di Nicola...
Dove tutto ebbe iniz...
n° 28 (R/P)...
Oggi scrivo di te...
Il green pass cultur...
La malinconia è una ...
Ci sono sogni che mu...
Leggera...
Qual è la nazionalit...
Altrove ......
IL TEMPO FATTO ...
La panchina di front...
Un solo attimo...
Poi...
Guardo l'acqua......
L'altra metà del Cuo...
Lunghe passeggiate t...
Anima mia...
Creare, immaginare, ...
L'attimo dopo...
Sul bordo di un terr...
Gino...
PROGETTO ESTETICO (C...
Il mio tempo...
n° 24 (R/P)...
Una sera in Plaza de...
Ci amavamo...
nulla...
Ignoto pensiero...
Le tue parole...
Luminarie ingannatri...
Non voglio che il tu...
IL TEMPO...
Rattoppo...
UNA LETTERA MAI ...
Riscalda o sole!...
PUNTO E A CAPO...
Un giorno...
È stato un attimo ...
Il tuono...
L'alba ramata...
Il pianto di un bimb...
In Aspromonte...
Al tempo dei sogni...
LEGGERE...
Brividi...
In un lento fluire d...
Non spaventarti...
LA NOTTE MIA ALLEATA...
La vita è più forte ...
Ocra...
Diva...
QUEL CHE RESTA ...
Nomination...
C'e' un posto specia...
I ricordi....
Tempesta...
Questa felicità...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Fiore del deserto

In una sera di fine estate,
la luna piena del tuo villaggio
accarezza le ali di uno stormo
che migra verso altri mondi.


Ti aggrappi a quel volo,
come un fiore del deserto
che si disseta al sogno
di sbocciare in primavera.


Ma è solo un accenno di speranza,
ché ragnatele di spessi muri
ti riportano in una gabbia
che indossa la tua carne.


Ti vedi muta e col fiato corto,
dietro quella maschera di stoffa
che nasconde le emozioni
e che, lentamente, ti soffoca.


Ti senti perduta,
ma raccogli le tue forze,
per sfuggire a quella fune
che intralcia la tua corsa.


Così, non è il vento,
che sbatte contro la tua veste,
a farti scoprire il volto,
ma sei tu che non vuoi sia sprecato
quel tenero raggio di sole
che ti fai scendere sulla bocca.


Non è il miraggio di un futuro diverso,
ma un tuo scatto ribelle
a farti ballare sulle punte dei piedi
e a farti ascoltare musica moderna,
mentre cammini tra la gente.


Non gridi al tuo dolore,
quando nella piazza grande,
ti prendono a sferzate,
perché nulla hai da dire
al tuo infame destino
che ha scelto di farti nascere,
dove non ti senti viva.


Non alzi il capo,
quando vanno via quegli aguzzini,
seguaci di un dio
che non li maledice,
seguiti dai loro compari,
fieri di quell'agire.
Ma ti alzi,
a cercare una pietà silenziosa,
per quello che si è visto,
non trovando che il frastuono
di una preghiera sottomessa
a dei versi privi di clemenza.


Ti rimangono solo sbuffi di polvere
a sporcare il tuo respiro
e il bruciore sulla schiena
a ricordarti che sei ferita.


A piedi scalzi,
sulle tavole di un fienile
ti metti a sfogliare una rivista,
cercando, tra quelle pagine sbiadite,
di fuggire almeno con la fantasia.
Nello specchio che non c'è,
ti vedi vestita con la camicetta
e con il rossetto rosa,
sopra una gonna di seta
e ad un sorriso aperto.


Ma tua madre ha un'altra figlia,
sposata con un soldato del regime
e per non perderne la stima,
dopo aver scoperto il tuo desiderio,
di non appartenere a quella terra,
ti consegna come pegno della sua fede.


Rulla nel tuo corpo la paura,
mentre scappi sulla fredda rupe,
inseguita dalle teste di turbanti
con la barba nera e con quella bianca
che nascondono le vere anime
di coloro che gridano la tua condanna.


Soffia lo zefiro dall'occidente,
baciandoti le labbra di freschezza
mentre, nuda come sei nata,
ti lanci tra le braccia dell'aria,
sfuggendo al tuo nemico fato.


C'è, in basso al dirupo,
la roccia antica e cupa
che accoglie il tuo tonfo,
ma che, quando ci scendi sopra,
ti sembra un arcobaleno di fiori.


C'è chi racconta, da qualche parte,
che nelle notti in cui piove pianto,
sotto un cielo pieno di stelle,
una fata raccoglie lacrime
per un fiore del deserto
da cui nasca primavera.


testo di Ardoval




Share |


Racconto scritto il 25/10/2021 - 16:15
Da Ardoval Arduino
Letta n.122 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?