Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Risveglio...
Le stelle...
RICORDI DI PASSI...
Che asino!...
Come aria fresca di ...
Ti amo...
La fantasia...
NON E' TANTO FACILE...
Il MIO UNIVERSO...
Per un soffio di ven...
Alba a Milano...
Nuova storia...
BOCCHINO NON PORTA P...
Tutte le forme d'art...
Dobbiamo imparare da...
Amarcord del Cavalie...
Racconto poetico… di...
Specchio...
IRA...
Disagio....
Pensiero...
Pensieri che svolazz...
Il mago delle monete...
NUVOLE BIANCHE...
IL VIAGGIO DELLA...
Il mercataro intelli...
Il mio sogno...
IL SEGRETO DI NIMUE ...
L'amore cos’è?...
La Befana di Barbane...
GALAVERNA...
Ho guardato le stell...
Ospiti...
Attimi di cielo...
La natura è come una...
Sorriso e pianto...
La nostra vita è abb...
Psicologia...
I Poeti...
Riflessi di luce...
Domani...
DI QUEL VOLTO...
Celeste vs Monica: L...
LA MIA FAVOLA ...
la scelta è l'illusi...
Parole oltre...
Il pellegrino...
La dolce felicità de...
Cerulo...
Non piacersi più...
IL PASSEROTTO SMARRI...
Era il tempo dei gio...
Talvolta in flashbac...
C'è in alcuni un pre...
OROLOGIO ASSASSINO...
Il vento e il merlo...
SCORRE...
Amore tossico...
Questo inverno...
CREDERE E PERDON...
Migrante....
Lettura...
Stupefacio (fuori co...
IL SOLE DI INVERNO...
L\' albero della vit...
La tennista...
Ti penti...
Sono di nuovo qui...
Qualcosa di bello...
Ruderi...
Fantasmi, contadini,...
RE DEI DEMONI ......
Bailando...
Ombre della sera (co...
LA MENA DEL VEZZA...
Ricami di luce...
Così dopo un po' si ...
Dopo un\'alba...
PICCOLO...
È successo qualcosa...
Tra guerra e pace...
ABBRACCIAMI CON ...
Ho chiesto al silenz...
Il volo della capine...
Sospesi...
Cipria (sottotono ca...
LA PECORELLA SMARRIT...
Il sogno (concorso p...
La Stanza Vuota...
Il vestito verde...
PASSATO, PRESENTE, F...
DAL DROGHIERE...
Epifania...
I TEMPI PASSATI...
Memorie...
Essenziale...
L’orto dei fantasmi...
Ricordarsi di vivere...
Zufola il vento...
QUANDO MORIRO'...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Conte e il topo assaggiatore

Da sempre l’opinione pubblica è affascinata dall'idea che tra i topi esistano i cosiddetti ”topi assaggiatori”, cioè maschi subordinati i quali se vi è il timore che un alimento possa essere avvelenato, si sacrificano “assaggiando” il cibo prima degli altri componenti della colonia salvaguardando così l’incolumità dei capi, delle femmine e dei piccoli. Con il passare del tempo, con l’assunzione costante di dosi non letali di veleno, costoro raggiungerebbero uno stato di assuefazione ad una o più sostanze, condizione di immunità questa detta “mitridatismo” (dal nome di Mitridate VI, re del Ponto, che nel timore di essere avvelenato, per primo diede inizio a questa pratica n.d.r.)


L’idea del topo assaggiatore ricorda tanto il nostro ex presidente del consiglio, Giuseppe Conte. Vi starete chiedendo perché? Presto detto. Negli ultimi tempi del suo secondo mandato, sopratutto dopo l’avvento del famigerato “coronavirus”, ogni qualvolta in tivù venivano trasmesse le immagini dei lavori in parlamento, notavamo un Presidente del Consiglio desolatamente solo, tanto che in molti si chiedevano che fine avessero fatto i nostri ministri. Niente di preoccupante, alla stregua dei roditori, i nostri ministri (che più che topi definirei “vecchie volpi”), celati dietro le quinte, mandavano allo sbaraglio il povero Conte, consci che se le cose si fossero messe per il peggio ci sarebbe stato il “topo assaggiatore” di turno a pagarne le conseguenze.


Dopo essere stato mandato letteralmente "allo sbaraglio" per oltre due anni uscendone sempre vincitore, quando sembrava che il Presidente Conte avesse oramai acquisito quell’immunità comune a tutti “topi assaggiatori”, è arrivato il famigerato gatto Tom "Renzi" che con il suo morso super-velenoso l'ha messo fuori combattimento ma, attenti, solo momentaneamente.


Infatti Conte in seguito a quel morso ha solo cambiato veste e da topo si è trasformato in gatto ed ora anche lui come i simpatici domestici felini (e perché no,un pò tutti i politici nostrani) può avvalersi delle fatidiche "sette vite".


P.s.:- In realtà quello del topo assaggiatore è un mito che non trova alcun riscontro scientifico. Sembra che alcuni comportamenti sono spiegati dagli equilibri interni della popolazione, con maschi dominanti e maschi subordinati. Questi ultimi non avendo un facile accesso alle risorse alimentari, sono costretti alla spasmodica ricerca di cibo ragion per cui la presenza di “esche rodenticide”, spesso diventa la loro unica possibilità di nutrimento trasformandoli di fatto e loro malgrado in “assaggiatori”.




Share |


Racconto scritto il 28/11/2021 - 19:53
Da Vincenzo Cassano
Letta n.50 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?