Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La vera gentilezza c...
Il mondo a quote più...
Fobia...
Quando ognuno fa que...
La Coccinella...
Cento anni...
HAIKU 11...
Grotte...
Non ascoltiamo quell...
Finzione (Anglicismi...
PULIZIE EXTRA...
Afflato di luna...
L\'uomo che conobbe ...
Il mio sogno...
Illusioni...
L'ITALIA DEI FURBETT...
In pensiero...
L'ora del corvo...
Balconcino...
CALA LA NOTTE...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Due universi...
Una piccola malincon...
Je...
Milos tra le braccia...
Silenzio assordante...
Scrivo di getto...
Ortensia Selvatica...
Eccomi amore......
Distratta...
Ancora sorridono i f...
PETALI...
L\'uomo che conobbe ...
Il faro...
NOTTI IN PRESTITO...
MADRE MIA DOLCISSIMA...
IL CONOSCENTE PIACIO...
LA FELICITA' VIE...
caro Mango...
ROGER...
Cieli silenziosi...
Infinita luce (conco...
Note diverse...
I SUOI OCCHI COME UN...
Destino...
Cullami o mare...
Compendio universale...
In bilico...
La mia amica Martina...
LA VIA DEL CIELO...
Tra le figlie di Net...
DOLORE...
Il dolore degli altr...
Lucente D'amore...
Donna... e...
L'egocentrica a teat...
Canto di lei...
Piccolo soldato...
L\'uomo che conobbe ...
Giaggioli...
E sei sempre lì...
QUADRO DI BOTTICELLI...
Il Timido Gheppio...
Essere se stessi..ri...
IL SOLE AL TRAMONTO...
LA TEMPESTA PERFETTA...
Cartolina...
Vestita di nero...
I misteri dell\'abba...
L'unica creatura...
Tu, Alato Amorino...
Brucia la terra...
La dolce compagnia...
Lei, ride amara dei ...
La partigiana...
Rosengarten...
Dillo un'altra volta...
Intenti d'amore...
Bianco e nero...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Silvestre...
APRI IL CUORE...
La rosa...
Il calamaio di latte...
UN FIORE RECISO...
Eppure...
Tace il silente tigl...
PASCIUTI TARLI...
Musa in prestito (a ...
Nei righi...ti ritro...
MILKY CUCCIOLO...
A Mia Madre...
Il mio destino è il ...
AL MARE IN LIGURIA...
La paura della morte...
Tra un rigo e l'altr...
Poesie di gioventù...
La colazione (prosa ...
Haiku 12...
LA TRAPPOLA RUSSA. ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Mamma.

Si sbriciola il pane fresco al tocco delle tue mani che lo hanno preparato.
L'aroma e la fragranza che ne precedono poi i tuoi passi. Li sento.
Il gioco pare poi una scusa per incalzarmi a mangiare: Vieni a prendere il tuo pane, gioia di mamma!
Inebriano i miei sensi affascinati come sono dai miei ricordi e i tuoi modi gentili.
Le mani bianche che sanno ancora di farina attaccaticcia sulla pelle
ne fanno assumere ora un aspetto più gradevole ai miei occhi.
Guardano all'età attraverso i tuoi, ai pomodorini secchi nel pane
l'origano e della cipolla e l'olio che mi sento trasportare negli anni;
si quell'olio quasi piccante lì inteso quasi a voler sposare l'uno e l'altro ingrediente toccasana, nel contesto del tutto!
Quelle azioni degli assaggi dopo che mi avevi rifocillato sembravano non mi volessero perdere di vista neanche un solo momento. Di quell' affezionato a me di loro che ne sarà stato?
Era come se a rincorrere il pallone oltre a me ci fossi tu ed aspettavi proprio il mio passaggio per concludere e segnare.
Mi consegnavi come in mano i punti della vita ed io ti dicevo mamma
ora so
quel pezzo di pane che si spezzava in bocca e che allora neanche mi gustavo ma al più divoravo
eri tu.
Mi manchi un sacco da morire, Mamma!
Com'è che se anche lo preparo, questo pezzo di pane per quanto fresco esso sia e la cura che ci metto, non viene mai cosi buono come lo facevi tu con le tue mani, eh mamma?


Francesco Currò
Diritti di copyright tutelati




Share |


Racconto scritto il 20/05/2022 - 14:38
Da Francesco Curro
Letta n.92 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie del vostro apprezzamento gentilissimimi poeti! Un lieto buongiorno a tutti!

Francesco Curro 21/05/2022 - 11:39

--------------------------------------

Piaciuto e apprezzato.

Maria Luisa Bandiera 21/05/2022 - 10:14

--------------------------------------

Molto dolce e nostalgico, piaciuto

Marina Assanti 20/05/2022 - 18:42

--------------------------------------

Dolcissimo racconto...mi è molto piaciuto

Mirko D. Mastro 20/05/2022 - 18:16

--------------------------------------

Quanta nostalgia viene anche a me leggendo questo racconto così semplice e spontaneo come l'amore materno .
Grazie di avermi fatto sognare ad occhi aperti.

Graziella Silvestri 20/05/2022 - 18:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?