Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ultimi saldi...
La poesia evoca o sc...
Evocando te (Concors...
IDEALI...
LA PORTA...
Diario di bordo...
Lacrime...
La campana di vetro ...
Quando...
GLI AMICI DELL\'ESTA...
Fior di luna...
Resta...
SOGNANDO TE...
HAIKU 38...
Avanzi di poesia...
Da mane a sera...
7...
Mille lune ( concors...
Sogno d'amore...
In un fumetto di Cla...
Big Gym...
Chirp, chomp e chok...
Una favola antica...
SPOSA IN FUGA...
Francesca Manzella...
Tra uno strappo e un...
Io ti canto...
Giaccio...
Vado sfogliando...
Dove sei andata ?...
Elisei...
Il testa di caxxo...
Un piccolo pianto...
Alla mia meraviglia...
Umanità fallita...
PETRA...
Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...
L'autocontrollo è un...
Attesa...
Attimi (concorso poe...
Essere...
La pastora...
Qualche rivolo in me...
SULL’ORLO DEL BARATR...
DANZANDO CON TE...
Alla mia cara gatta ...
I lucchetti che apro...
Il buio...
Io prendo la minima...
Primitives...
Io e te per sempre...
Se guardi nel rifles...
Ho chiesto alla brez...
Il cambiamento clima...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Ardenza (il racconto)

Con la schiena al leccio, Cosimo < Perché mi fai soffrire?>.
<<Perché ti amo>> Viola <<chi ama vuole solo l’amore, anche a costo del dolore>>.
<No, non mi ami! Chi ama vuole la felicità, non il dolore> grattandosi la schiena ai nodi della corteccia <Mi fai soffrire apposta, allora…>.
<<Sì, per vedere se mi ami>>.
<Certe cose non le ammetterò mai>.
<<Sì che le ammetti, perché mi ami e soffri>> ridacchiando <<Tu ragioni troppo. Perché mai l’amore va ragionato?>>.
<Per amarti di più. Ogni cosa, a farla ragionando, aumenta il suo potere>.
Pizzicandosi il collo, Viola, ora che il leccio guardava al vespro <<Un ragionamento può essere sbagliato, un’emozione no… Cosimo, temo tu stia impazzendo>>.
Dandole le spalle <Il viola ha in sé qualcosa di malato, di spento come lo è la cenere. E triste, come i quadri di Kandinsky. Assomiglia al suono del fagotto, profondo e grave. Il rosso con il blu. Instabile, quando i colori si mescolano tendono a perdere l’equilibrio. È così che ti amo>.



Share |


Racconto scritto il 25/11/2023 - 08:04
Da Mirko D. Mastro
Letta n.774 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Viola, colore della magia,mistero e sogno, Cosimo, cosmo, ordine e riflessione.Quando i colori si mescolano acquistano forza mentre se ricercano chi è
il loro opposto coleranno a terra miseramente. Un racconto che è come un colore neutro dentro un occhio.

Anna Cenni 25/11/2023 - 11:49

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?