Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IN INGHILTERRA È IL ...
Scusami......
Caramelle...
ILLUSIONE INTRISA ...
Il finto autunno...
Dadi e fortuna....
Nonsense...
Anima potente...
Spazio-Tempo....
La stanchezza nascon...
Quando sarai lontana...
Gelo...
Per questo mi batter...
Pani e pesci...
Le Notti di Elisa -n...
Castel Toblino...
Violata...
TORNA IL NATALE...
Una rosa, un sorriso...
Come rugiada...
Occhi...
E' mistero...
A spasso di notte tr...
Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Subliminale...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...
Bella Napoli...
Mi chiamo Giufà...
Pioggia rigenerante...
A fine turno (il mac...
Cala la notte nella ...
Pece...
Donna...
4:50...
Io sono il poeta...
Rosario a Siliqua...
Falce di Luna...
Nel tempio dell'anim...
Sonni troppo profond...
L'invito...
L\'ARROGANZA DEL COR...
La magia del circo...
Una vecchia topolino...
Perdersi le sfumatu...
Cieli diversi sulla ...
Sentieri d’autunno ...
TROVARE L' AMORE...
UN TUFFO NEL PASSATO...
Nuvole...
MARE D'AUTUNNO...
Magari...
Eri bella...
VIAGGIO DI LAVORO...
Miravo....
Incantesimo occident...
Haiku 93...
L'anima arranca...
BEA...
QUEGLI ABBRACCI CHE ...
L'anima arresa...
Non c'è più sangue n...
Gocce...
...lacrima...
Campo di basket...
Oltre questo paradis...
ALLA SUOLA...
'O PRESEPE...
Sulle ali di una far...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

la Nostalgia

Le istruzioni sono:

"Ho sentito una fitta, una fitta strana e inspiegabile che non avevo mai provato prima. Era nostalgia di casa" (A. Bradley, scrittore canadese)


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

NostalgicaMente

Cosa posso dire all’amore irrazionale ora che vivi d’un racconto lontano e senza metrica dalla mia sfera.
Che la dannazione t’appartenga, nei momenti di quiete.
Come festeggiano i tuoi occhi senza luce lo san solo le carezze violate.
Le ricchezze della terra appaiono mute e in sordina se ne vanno via da ogni logica.
L’amore chiama amore non è reale.
L’amore si parla all’orecchio nudo e i corpi altrettanti saettano fra lenzuola scalciate se così fosse un vero amore.
Negli occhi lessi la violenza e il rancore e se davvero sei tu, non ti vedrò, ti scorderò e punterò in alto, fra i margini di due parallele che han voglia d’incontrarsi.
Non saprò camminare più fra gli errori e navigherò lo Spazio ed il suo Tempo per portare Pace alla mia corte, che ora si, crede nel piacere di Vivere come una Vita.
Limpido mare in maree di paure.
Altro non è che groviglio di attesa quello che so e come potrei aver voglia di scendere fino al tuo attendere se non so cosa vuoi?
Quegli occhi, quei due fari spenti e radianti lunghissimi d’una storia che non ha poeti da incontrare e nemmeno cieli da sfiorare, che siano adesso da qualche parte a non rimuovere speranze, per il bene dell’umanità, per carità!
Il mio ruolo è segnato: una prosa che sfiora parole per dire quel che sono a chi non c’è mai stato e a chi saprà svezzarmi il Cuore.
Non mi va di girovagare per luoghi che sono città disabitate e pienissime, sapendo che nulla avrò da dire, farò il solitario al bisogno e se dovessi scrutare la gioia vorrei farla attraversare.
Eppure raccolgo le carni che son state calpestate come farei con me stesso, poi le porto in casa, le curo e le attendo morire.
Non ho ricette o pozioni.
Solo quadri e attenzioni.
Appesi al muro del riso e del creare membra figurate.
Immaginate.
Profanate da pensieri circostanti.
Si vive per attendere la sorte e se vi capita non cercatela fuori tempo massimo, fate la meraviglia.
Siate lo stupore.
Datevi certi baci che solo voi saprete raccontarne.
Ti auguro che a fare l’amore
quello diurno
Sia col rumore dell’incidente
di queste strade chiuse
buie per la vergogna
E se un viso, una faccia stanca o un vecchio marinaio
Fa che sia l’immenso a scartarti
E non la prima remora che incontri
Che possa svegliarti la notte,
santità e castigo allo stesso tempo.



Share |


Scrittura creativa scritta il 15/09/2022 - 08:12
Da Vincenzo Furfaro
Letta n.106 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Ottima scrittura.
La chiusa poi, “racchiude” in sé, un mondo di senni di poi e di ma e di se…
Un saluto

Loris Marcato 15/09/2022 - 15:56

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?