Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Nei tuoi pensieri...
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
Cuore: Edmondo De A...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Gli abeti nella sera...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...
Come Peter Pan...
The end...
La folle corsa......
Novembre...
COSPIRAZIONE...
PALESTRE di VITA (pr...
L\'attimo...
C'è un cadavere nell...
Gocce...
Come gocciola la neb...
Le pentole quando bo...
L' ORA DELLA POE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LA CHIESETTA DELL'OSPEDALE

Amore mio, un giorno sono tornato in Ospedale
ho sofferto tanto, e mi sono sentito un pochino male.
Ho salutato i medici e le infermiere, che ti hanno curata
con tanto impegno, ma purtroppo non ti hanno salvata!
Ho ripensato a quando andavamo, in quella benedetta stanza
con i nostri cuori tristi, ma sempre pieni di speranza.
Sono entrato come allora in chiesa, per salutare la Madonna
che più volte ha ripetuto: veramente grande la tua donna!
Ho pregato a lungo, la nostra cara e adorata Madonnina
rimanendo inchinato accanto a Lei, quasi tutta la mattina.
Ho invocato con fede tante volte, il nome tuo e di Maria
non trovavo più la forza, per uscire e per andare via.
Mi sembrava di stare, ancora insieme a te felicemente
e ho gridato forte: ti ho ritrovato Amore mio, finalmente!
Purtroppo, ho fatto certamente una grande confusione
ma nel vederti accanto alla Madonna, è stata tanta l’emozione!


Share |


Poesia scritta il 20/06/2015 - 20:09
Da Sabatino Santucci
Letta n.315 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


In questa poesia si materializzano insieme amore e fede.Davvero bellissima!

Papavero nel vento ... 22/06/2015 - 19:37

--------------------------------------

Sabatino caro, come sei tenero e dolce....
e quanto è grande il tuo amore...sono certa che lei è sempre li come Angelo a vegliare su di te.e a sentire il tuo amore... Ti abbraccio forte e ti auguro tutto il bene di questo mondo, e sappi che ti voglio bene..ciao.

Maria Cimino 21/06/2015 - 12:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?