Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Poesia su Rita Levi ...
MAGIE...
Nel fremito di vita...
Il mondo è fatto di ...
Lo Spettro Del Nostr...
C'ERA UNA VOLTA UN B...
IL SORRISO Il sor...
Un infinito amore...
acqua...
Anche l'inferno ti s...
GOCCE...
Un breve istante, un...
vorrei sparire......
vorrei cadere...
La camicia a quadri...
Voglia di sale...
Sotto il faro spento...
'Na cosetta...
Il giorno non sempre...
Freddo(C)...
L'odore del mare...
L\'anima gemella...
LA VITA E' SOG...
Il puzzle...
Impotenza....
L'età: Il tempo la ...
SCHELETRI di Enio 2...
Il richiamo della ge...
eterno gelo...
Finchè avrà voglia d...
Il suono del vento...
Oltre ai giochi otti...
IL BOSCO...
La terra dei sogni...
S.Francesco....
Il desiderio inconsc...
Lultimo calzolaio...
Mimmo...
Un nuovo martire - G...
Io ti appartengo...
Non ci riesco....
La vita è come il ci...
Un giorno di notte...
lo ha riposto lì...
Consolazione...
Quel venticello...
Gli strani animali d...
Non servono parole...
Insonnia...
Purtroppo non è poss...
OGNUNO IL SUO MESTIE...
Ciò che voglio....
ciò trovo nel vagare...
Lettera ad Alex...
TU LE STAGIONI ...
che importa...
Il Perché...
Lacrima d'amore...
Profilo migliore...
UNA NOTTE FORSE......
IL COLORE DELLE FAVO...
Via vai...
Ho visto anni passar...
Tu sei la primavera...
Ricordi 2...
A volte... non lega...
Angelo della Notte....
Buongiorno...
La forza degli alber...
Non puoi generare su...
L'universo...
Appiglio...
Quell'attimo sublime...
ANIME IN VOLO...
Primavera sulle lame...
Fascino Veneficium...
Fragili promesse...
immigrato...
E poi…....
Fateve 'na risata !...
La frutta...
LA PORTA...
Come un fior di ninf...
Risoluzioni...
Pulcini...
Giungono messaggi da...
Madeleine...
Le ribelle....
Il Genio della Lampa...
Dolce sentire...
Le nostre opere...
L’autentico respiro ...
Cowboy...
SELVAGGIO O DOLC...
Nel linguaggio ci so...
Energia Musicale...
teorema...
Pianoforte...
La scatolina di latt...
IL DESTINO UNA SERA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LA CHIESETTA DELL'OSPEDALE

Amore mio, un giorno sono tornato in Ospedale
ho sofferto tanto, e mi sono sentito un pochino male.
Ho salutato i medici e le infermiere, che ti hanno curata
con tanto impegno, ma purtroppo non ti hanno salvata!
Ho ripensato a quando andavamo, in quella benedetta stanza
con i nostri cuori tristi, ma sempre pieni di speranza.
Sono entrato come allora in chiesa, per salutare la Madonna
che più volte ha ripetuto: veramente grande la tua donna!
Ho pregato a lungo, la nostra cara e adorata Madonnina
rimanendo inchinato accanto a Lei, quasi tutta la mattina.
Ho invocato con fede tante volte, il nome tuo e di Maria
non trovavo più la forza, per uscire e per andare via.
Mi sembrava di stare, ancora insieme a te felicemente
e ho gridato forte: ti ho ritrovato Amore mio, finalmente!
Purtroppo, ho fatto certamente una grande confusione
ma nel vederti accanto alla Madonna, è stata tanta l’emozione!


Share |


Poesia scritta il 20/06/2015 - 20:09
Da Sabatino Santucci
Letta n.346 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


In questa poesia si materializzano insieme amore e fede.Davvero bellissima!

Papavero nel vento ... 22/06/2015 - 19:37

--------------------------------------

Sabatino caro, come sei tenero e dolce....
e quanto è grande il tuo amore...sono certa che lei è sempre li come Angelo a vegliare su di te.e a sentire il tuo amore... Ti abbraccio forte e ti auguro tutto il bene di questo mondo, e sappi che ti voglio bene..ciao.

Maria Cimino 21/06/2015 - 12:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?