Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Solamente una ragazz...
Tormento...
Inno all'amore...
Ai ferri corti...
Il cocktail dell'osc...
Lettere...
c'è stato un tempo...
21 settembre...
Il mondo...
Il vento porterà con...
Vivono nella convinz...
L'attesa...
PURTROPPO...
A CACCIA DI SO...
Niente più tormento...
Il pensiero è la vit...
quell\'unica festa...
La pioggia d'autunno...
Ricordo...
Coscienza...
L\'AMORE NEL SOLE...
IN OGNI TEMPESTA...
Spesso dimentichiamo...
Un infinito andare...
IO...
L'uomo dalla bocca s...
Faceva freddo....
Abbiamo la luce nell...
L'inverno dietro le ...
.........FARFALLE......
IL CAPO DI CASA di E...
percezione aurorale ...
NINNA NANNA...
SPOSAMI...
È mattina...
Sconosciute passanti...
Nella stanza n. 3...
Nella sera...
PERCOSSO DALLA VITA...
Riflessioni...
LA SFIDA...
Onda che va verso or...
Cambiamenti...
Un ber piatto de cac...
Senza cielo...
A Te...
Quanto può influire ...
RICAMI DI CIELO...
Distanze...
comprendere gli esse...
Contrasti...
Dolci parole per spi...
MOMENTI DE GAFFES...
Pace a te......
Senza ispirazione...
Messaggio...
Racconto patafisico...
Una penna che non sc...
Degli occhi il mondo...
PALLIATIVO...
Per un semplice filo...
Distanze...
Livorno 16-09-2017.....
un pensiero...
L'AMORE DRAMMATICO P...
Vieni, Sera...
Turbolenze dell'anim...
PINO DELLA VANVERA...
PER CHI AMA LA ...
Spezzata in due...
Una bambola in dono...
Stasi...
La calunnia...
Vorrei essere l'aria...
L\'EMOZIONE DELLA PO...
Devi reagire...
Io vivo attraverso t...
Quando, un addio...
Rimiro.....
DISSIPAR MALINCONIA...
Un leopardiano Bukow...
Senso...
Matrioske (C)...
LA PENNICHELLA di En...
Impulso avvilito...
Una grossa bugia, de...
Sacco di roma...
Io confesso...
L'azzurro oltre l'os...
Le mie urla rimbomba...
Chi prova gratitudin...
Domani...
Attore...
QUANDO L'AMORE ARRIV...
L\\\'abbraccio dei d...
Dell' Orrore...
RESILIENTE...
AUTUNNO (doppio acro...
Per te mia dolce ami...
La musa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La crocchia

Quanta pace ed armonia
nel vederti compiere quei gesti
antichi, certi e sì rassicuranti,
lì davanti al caminetto
a segnare l’inizio del giorno,
un dì lontano a lavorare nei campi
per saziare la fame,
poi per donarti a noi senza riserve,
con una forza d’animo
dirompente come un uragano,
e con una resistenza
pari alle antiche fortezze.
Sono andata via da quel caminetto
e non assisto più al prezioso rito
e vedo, madre, la tua crocchia
meno folta
e le tue braccia sì stanche
che ogni tanto una ciocca
sfuggita alle tue mani indebolite
gioca sulla tua testa,
sempre orgogliosa e severa.
Ti prego resisti ai nuovi venti
perché, io figlia,
la crocchia non la so fare!


Share |


Poesia scritta il 24/06/2015 - 14:15
Da Millina Spina
Letta n.414 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti


Grazie davvero Ugo. Sì, hai ragione sono immagini piene di vita e di significati che purtroppo vanno via.
Le cose che scrivo per una forma di stupido pudore non le faccio leggere a mia madre...Le ho lasciato questa da leggere, poi mi ha chiamata per ringraziarmi, confessandomi di aver pianto per la sua vita che scorre, per i ricordi di sua madre davanti al loro caminetto e presumo per la mia vita che resterà orfana di queste ricchezze così semplici, genuine ma così forti.

Millina Spina 09/07/2015 - 12:18

--------------------------------------

Tutte cose, inestimabili valori che, se raccontate ai giovani d'oggi, restano senza reazione alcuna o sortiranno un sorriso di biasimo. Questa poesia è un pezzo di vita vera che se ne va e che pian piano nessuno ricorderà. Ottima, encomiabile.

Ugo Mastrogiovanni 09/07/2015 - 10:05

--------------------------------------

Grazie Arcangelo per la tua lettura e per la presenza che sempre ci regali!
Ciao!

Millina Spina 27/06/2015 - 12:20

--------------------------------------

Una struggente e dolce poesia in cui l'autrice ricorda i bei tempi trascorsi con la madre, fatti di piccole cose, gesti quotidiani, come quello della "crocchia". Riti fatti con cura ed amore, tra il lavoro nei campi, quello in cucina o sedute dinanzi ad un camino acceso, magari lavorando la maglia. Un testo molto apprezzato.

Arcangelo Galante 27/06/2015 - 07:42

--------------------------------------

Hai perfettamente ragione Luciano Guidotti! I tempi lenti che riempivano i sensi e che ormai vivono solo nei caldi ricordi di una veloce e spesso fredda quotidianità.


Millina Spina 25/06/2015 - 12:36

--------------------------------------

Quante cose ci perdiamo nella nostra corsa verso il nuovo e con loro anche i ricordi più belli della nostra gioventù.Nella tua bella poesia si respira quel profumo di quelle case,dei caminetti,della lentezza del tempo e dei riti che lo caratterizzavano.Oggi nella frenesia spasmodica di tutti i giorni ci siamo persi il gusto e la sapienza della tradizione,dei suoi ritmi e del fare certe cose che rappresentavano un collante straordinario dello stare insieme.

Luciano Guidotti 25/06/2015 - 09:27

--------------------------------------

Grazie cari amici e serena notte a tutti voi!

Millina Spina 24/06/2015 - 23:17

--------------------------------------

Millina cara ciao..quanto è bella e dolce queara tua poesia, e già la mamma,è sempre la mamma,e anche mentre gli anni passano l'amore si fa sempre più forte.. Condivido questa tua poesia.. Ciao bella a te un'abbraccio grande. e un bacione.

Maria Cimino 24/06/2015 - 18:38

--------------------------------------

Assistere all'invecchiare della propria madre, un questo caso, ci rende un po' persi. Una crocchia che addirittura segna questo invecchiare è una immagine bellissima e diversa dal solito per questo molto apprezzata.

luciano rosario capaldo 24/06/2015 - 16:15

--------------------------------------

Dolcissima e struggente, piaciuta tantissimo. Ciaooo

Fabio Garbellini 24/06/2015 - 16:07

--------------------------------------

Trovò che sia molto dolce questa tua poesia.è grande l'amore che si prova verso la propria madre.Io ho cominciato a sentirmi invecchiare nel momento stesso in cui l'ho persa,forse è quello il vero momento in cui si taglia il cordone ombelicale.Tienila stretta a te,la tua bella mamma.Ciao Millina

Claretta Frau 24/06/2015 - 16:00

--------------------------------------

Un componimento decisamente pregevole... Ho rivisto mia madre... adoprarsi in questo sequelo...

Rocco Michele LETTINI 24/06/2015 - 15:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?