Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il Cipresso

E fu Giuseppe per quarant’anni ed oltre
a far’inchini e salutar dappresso
finchè trovossi un dì su stessa coltre *
accanto colui che prima era cipresso.
Parve, indi, con stupore immenso
d’avere inchino da sì alto fusto;
anchilosato fu, disse: Che penso?
No! cervello mio: Sei vecchio e guasto.


E chiusi gli occhi,ch’era stanco assai,
la destra penzoloni giù dal letto
s’assopì pian pianino pensando ai guai
ed alla vision ch’oggi fu oggetto.
Così restossi: Tempo quanto nol seppe
ma parvegli poi da tocco essere scosso
mentre affettuosamente: Che fai o Peppe?
Sentì stanco quel dire, quanto commosso.


Per i suoi vitrei, da peso oppressi occhi
forza non ebbe di guardar chi fosse,
chi a voce lo chiamava e piccoli tocchi
e debolmente pensava chi esser potesse.
Fu il dì di poi, a mattino andato
che disteso a letto a lui di presso
scorge vetust’uomo, volto emaciato
che credere stenta ch’esser sia lo stesso


che per tant’anni ebbe ad inchinarsi.
Quello lo guarda e stancamente dice:
Ho, quì, nel petto di dolor dei morsi,
stanco mi sento e d’essere infelice.
Io non pensavo mai, Vossignoria,
un giorno di trovarmi accanto a Voi,
quest’oggi il cuore mio è in allegria
ch’ha la fortuna d’essere con Voi.


Prim’io voglianza avevo di morire
che sempre fui più stanco e tribolato
sper’ora, invece, manco di guarire
ch’accanto Vossignoria sono appagato.
Certo! Tu allato sempre sei vissuto
e ancorchè steso resti consolato.
Non me, però, da nobil stirpe nato;
sempre diverso fui, e non reietto.


Vossignoria restate tale e quale
con l’arroganza nelle vostre vene
ma l’altezzosità più a nulla vale
perchè acuisce solo le vostre pene.
Da parte mia vi dico:Io vi perdono
e mi prosterno a voi per quella gioia
che il cuore mio ha ricevuto in dono
d’avere accanto a sè vossignoria.


N. Maruca
* Intendi:sotto stesso tetto.



Share |


Poesia scritta il 26/10/2011 - 18:21
Da nello maruca
Letta n.454 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?