Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Fallo

La vita mai grandi cose m’ha donato
anzi, tolto m’ha gl’affetti desiati
fors’anco perch’io l’ho mal cercati
o in altri è sentimento andato.


Sotto quel tetto tanti ne crescemmo,
mai in diverbio o discrepanza fummo;
sol quando spiccammo volo in altrui
loco dimenticammo il nostro per l’altrui.


A te son grato d’avere alla mia mente
ridonato il senso che credevo andato,
certo che face somigli eternamente
ricredomi di quanto avea pensato.


Allor ch’attenta fosti al mio dolore
le guance mi pervase grande calore:
Il sangue pulsò forte nelle vene
quando mi dimostrasti il tuo gran bene.


Tal sentimento avverte sol chi ama,
chi di benevolenza ha sete e cura
e, mai, in cuor suo ordito ha trama
di rendere ad alcun la vita dura.


Qual dono sarebbe bello più che mai
il comparir dinnanzi a Chi non è
ed in ginocchio dire: Mamma,ormai,
il bene che ci hai dato tutto c’è.


Se non te, che d’opera riparatrice
sei la più saggia, nessuno puote
risanar sì grande fallo chè,noi, si dice
ma dall’accostare il ben siam teste vuote.


A te, quest’arduo compito è affidato
che giovinetta da mamma ci hai curato;
per noi rinunciasti a parte di tua vita
ma l’opera,grande, non è ancor finita.



Share |


Poesia scritta il 05/11/2011 - 21:52
Da nello maruca
Letta n.409 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?