Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

un quarto di follia...
Modernità....
Dall'alto mirando...
BACIAMI 2...
Carpe Diem...
Il sentiero...
Non è un navigare se...
Osa!...
L'attesa...
01:07...
lettera a mia madre...
LA MIA VICINA...
DOPPIO RISVEGLIO...
SONO TUA...
Le voci nel vento...
Radio (S)Ballate...
A breath of life, cl...
Il grappolo...
Alba antica...
Farò di te la mia ma...
D\'ora in poi...
TUTTI contro TUTTI...
Pioggia dalla luna...
Pioggia....
ALBERTONE...
Campagna elettorale...
Soliliquio...
L’AMORE VERO DIO LO ...
Anche se pioveva...
Ne riparliamo domani...
Scrivere poesie...
L'odiamore...
Causa sui...
Vivo...
ER BOVE PIO di Enio ...
UNA DOMENICA INSIEME...
Il vento...
Un giorno da uomo...
Mia cugina Maria...
Incompleta...
Ricordi?...
Valigie Di Emozioni...
Io sono il fulcro di...
Mare...
Speriamo.......
Raul...
Ai posteri...
...ma le gambe ?...
Come quando piove...
AD ALDO MINIUSSI (+2...
Per la felicità?...
Confini e certezze...
A te. A me....
Cocci... d'Eternità....
Paralisi....
UN CORIANDOLO DI CAR...
LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il Turbamento

La vita è un pozzo fondo, senza fine
ch’è pieno zeppo di miserie umane,
per quanto tempo dura, sino a fine,
non son giornate che non siano vane.


Per quanti sforzi sono,per quanto t’opri,
per quanto ti dibatti ed arrovelli,
per quanto cerchi pace che bisogni copra
non v’è cosa che plachi quel cervello.


Non ragionamento che lo porta altrove,
non problemi di natura maggiore,
lo ritrovi ovunque e in ogni dove
ch’è tutto scuro, pur bianco colore.


Com’erba cattiva che su prato nasce
che estirpata con certosina usanza
in perseveranza presto rinasce
a dimostrare dell’uomo l’impotenza.


Così, quel turbamento, se si cheta
riemerge, all’improvviso, dopo poco,
nel cervello ritorna e non è quieta
e fin che la vita è fa questo giuoco.


Invero per chi ha credo è una sol via:
è quella d’aggrapparsi al Sommo Iddio.



Share |


Poesia scritta il 03/12/2011 - 18:25
Da nello maruca
Letta n.634 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?