Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Bestia

Il mese Mariano, a tutti è noto
riempie le mangiatoie del loro vuoto;
sia d’erba che di fiori e pur d’ortaggio
avea scarsezza,però,quel mese di maggio;
assai pur’ acqua quell’anno n’era poca
ch’ogn’essere vivente averla invoca:
E, allora Iddio ch’è bontà infinita
avea dilemma: A chi non dar la vita?


Aveva,Egli, già stabilito quanti
viventi in terra esser presenti
indi correggere specie potea di qualità
senza,peraltro,muoverne la quantità.
Fu così che nel fare degl’asini la conta
alfine non rendere a nessuno onta
una unità la trasformò d’aspetto
lasciandogli di bestia l’intelletto.


Nacque così quell’essere corrotto
ch’accaffato posto d’elemento dotto.
Mostra d’umano tiene sol la scorza,
ogni suo atto è belluina forza.
Porcara prima, yena fu di poi
onta cosparge su ognun dei suoi
chè sua esistenza pari è a bubbone
tiranna come di Fère fu Giasone.



Share |


Poesia scritta il 05/12/2011 - 16:40
Da nello maruca
Letta n.480 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?