Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Futuro strano...
IL MARE E NOI...
La padrona delle bam...
Cercare...
Oltre...
Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ricordi

Rosa il tuo nome e rosa eri di viso
ricordo, Mamma, il tuo bel sorriso;
ricordo quell’incedere tuo lesto,
ricordo radunati i capei a cesto.


Ricordo gli occhi tuoi castano scuro,
ricordo del tuo amore sempre puro;
ricordo il tuo bel mento ovaleggiante
su quel bel viso splendido,raggiante


Ricordo, Mamma,quando al casolare,
raccolti accanto al grande focolare
raccontavi per noi fatti e romanze
di principi e duchesse in grandi stanze.


Principato, ducato e marchesato
quante fiabe per noi hai tu inventato!
Altro dare di più non si poteva:
in miseria di guerra si viveva.


Ricordo i tempi degl’oscuramenti,
i razzi a notte fonda rilucenti,
ricordo le nottate fredde,io ignudo,
quando il Tuo corpo a me facea da scudo


per quei rumori forti ed assordanti
di velivoli in cielo roteanti.
Di gran paura si stringeva il core
ma Tu coprivi tutto col tuo amore.
.
Allo scoppio di bombe a noi vicino
stringevi a Te più forte il corpicino;
lo facevi così,con tant’ardore,
che risentirlo lo vorrei a quest’ore.


E, mi ricordo,Mamma, le speranze
che in quelle tristi, brutte circostanze
trasmettevi nel debol cuoricino
dell’arrivo di Papà così vicino.


Lo facevi con sì tanta fermezza
che dissolvevi in me forte l’ebbrezza
nella certezza di veder domani
il Suo bel volto e le Sue grandi mani.


Or più non sei, dolce mia cara Mamma
ed io di Te solo ricordi in alma
serbo,ricordi che servono a pensare,
ricordi che mi portano a sperare.



Share |


Poesia scritta il 09/03/2012 - 22:39
Da nello maruca
Letta n.524 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


questa poesia è davvero molto bella
complimenti

Arianna Dal Cortivo 11/03/2012 - 16:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?