Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
A MIRELLA...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lo Zufolo

Un suono che lontano m’è nel tempo
Odo vibrare, un dì, in lontananza,
Mi balza alla memoria come lampo
La melodia,da bimbo,a conoscenza.

Lento m’avvio e silenzioso alquanto
Lungo un sentiero ciottoloso e stretto

Donde perviene l’idilliaco canto
Del dolce, conosciuto zufoletto.


Un pastorello appena quindicenne
A ridosso sdraiato d’un folto cespuglio,
all’ombra di frondosa quercia perenne
meglio l’intona di pecoraio veglio.


Per ogni suono che mi dona il vento
energico a volte,altre debolmente
nella mente dei bei ricordi sento
che mi riportano indietro,dolcemente.


Mi sovvengono i momenti del pregresso
giorni contenti, giorni d’abbandono
Scorcio che non capisco il poco né l’eccesso
Ma tutto è solo un pregevole dono.


Rivedo l’innocente fanciullezza
Quando a piedi scalzi,sanguinanti
S’insegue una rozza palla di pezza
e dell’ingenuo gioco,s’è contenti.


M’appare,poi,l’acceso focolare,
la nonna con in grembo la conocchia
che con garbo la lana sta a filare
e che l’avvoltola al fuso con maestria.


Suona, zufolo dolce! non cessare;
Fammi scaldare avanti quel camino,
nel vetusto casolare fammi restare,
non fare ch’io riprenda il mio cammino.


Spandi le note ancor per la campagna,
fammi addormire al suono del tuo canto,
fa che la tua melodia mi sia compagna
e che, al risveglio, trovoti al mio fianco



Share |


Poesia scritta il 16/08/2012 - 00:06
Da nello maruca
Letta n.462 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?