Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

lo spirito

LO SPIRITO


Quando lo spirito è stanco.
Quando il corpo è stanco.
La mente divaga e si perde
in oscuri abissi di tristezza e malinconia.
Io in quei momenti appaio assente,
lontana, grigia come il mio umore.
Assente e lontana da tutto.
Vecchia e stanca mi sento.
In quei momenti di persa coscienza,
non sono.
Non sono niente,
solo un pensiero vagante.
Come il polline di primavere
che danza nel cielo
sospinto dal vento.
Volo nel nulla oscuro.
Nel luogo del pensiero.
Col tempo torno al mondo.
Torno al mondo che triste soffre e chiede pietà.
Ma nessuno ode le sue urla
ed io ascolto e soffro.
Resa muta dalla sordità umana.
Io soffro.
Lei soffre.
Ma io fuggo nel pensiero
e lei no.
Lei legata alla terra.
Ella è la stessa terra che ci nutre.
Ma noi ogni giorno la calpestiamo.
Noi stupidi, stolti umani non capiamo.
Abbiamo scordato.
Perdute le nostre conoscenze.
Siamo diventati ignoranti nella nostra conoscenza.
Siamo avari di cose lontane,
quando abbiamo ricchezze così vicine a noi.
Ma non c’è ne accorgiamo.
Siamo sordi in un mondo che piange.
Ferito dalla nostra insensibilità.


08/05/09



Share |


Poesia scritta il 04/08/2010 - 19:20
Da chiara munaro
Letta n.535 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?