Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

un quarto di follia...
Modernità....
Dall'alto mirando...
Cuore insanguinato d...
BACIAMI 2...
Carpe Diem...
Il sentiero...
Non è un navigare se...
GOCCIA...
Osa!...
L'attesa...
01:07...
lettera a mia madre...
LA MIA VICINA...
DOPPIO RISVEGLIO...
SONO TUA...
Le voci nel vento...
Radio (S)Ballate...
A breath of life, cl...
Il grappolo...
Alba antica...
Farò di te la mia ma...
D\'ora in poi...
TUTTI contro TUTTI...
Pioggia dalla luna...
Pioggia....
ALBERTONE...
Campagna elettorale...
Soliliquio...
L’AMORE VERO DIO LO ...
Anche se pioveva...
Ne riparliamo domani...
Scrivere poesie...
L'odiamore...
Causa sui...
Vivo...
ER BOVE PIO di Enio ...
UNA DOMENICA INSIEME...
Il vento...
Un giorno da uomo...
Mia cugina Maria...
Incompleta...
Ricordi?...
Valigie Di Emozioni...
Io sono il fulcro di...
Mare...
Speriamo.......
Raul...
Ai posteri...
...ma le gambe ?...
Come quando piove...
AD ALDO MINIUSSI (+2...
Per la felicità?...
Confini e certezze...
A te. A me....
Cocci... d'Eternità....
Paralisi....
UN CORIANDOLO DI CAR...
LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Scorro ricordi

Scorro ricordi
col viso illuminato da un sorriso stupito
per quanto sapemmo osare:
la tua spiga velata da intrecci di fibre,
che promette gemme e un'altra primavera;
e velo ancora è il battito
di ali variopinte di farfalla,
adagiata lieve a celare il tuo fiore;
poi il taglio della bocca
che mi invita al banchetto,
col sogghigno trionfante di chi da per avere.


Carnosa e madida di dolce umido nettare,
infine l'orchidea mostra lo stigma tumido.


Resto deriso, ape contro i vetri,
e affranto dalla succulenta esigenza
di succhiare la tua linfa di vita.



Share |


Poesia scritta il 25/11/2012 - 15:39
Da Francesco Patecci
Letta n.462 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


E come faceva a non restarci male? Il fortissimo richiamo di un'orchidea tutta pronta a farsi impollinare e l'ape dietro ai vetri che non può raggiungerla... c'è da impazzire, povera ape...!

Francesco Patecci 27/11/2012 - 17:13

--------------------------------------

quell'ape spiaccicata fa proprio sorridere
spero non ci sia rimasta troppo male.ciao

Claretta Frau 27/11/2012 - 16:19

--------------------------------------

Grazie per il tuo apprezzamento.
I ricordi sono importanti non tanto perchè rappresentano momenti più o meno belli (o brutti), ma per il fatto di essere stati "creati" per essere poi "ricordati".

Francesco Patecci 27/11/2012 - 14:56

--------------------------------------

Quando i ricordi sono così ricchi di sensazioni, anche se talvolta riportano alla memoria piaceri insoddisfatti, non possono non strappare un sorriso...a tutti

Daniela Cavazzi 26/11/2012 - 21:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?