Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Un giorno il cibo iniziò a puzzare

Accadde un giorno
che senza volerlo
il cibo mi sembrò una peste nera
e ogni frutto era come vescica
ma ricolma di denso male;
um giorno il cibo iniziò a puzzare.


La carne era cadavere
e ogni condimento un orrendo unguento
utile solo a mummificare
tutta quella materia morta:
ogni pasto era una cerimonia funebre.


E io dovevo ingerire quella malattia
e la sentivo scomporsi in me
e le mie membra assorbirne
ogni schifosa molecola
mentre costruivo il mio orrendo corpo.


Accadde un giorno
che decisi di smettere
quel terribile rituale;
accadde un giorno
che iniziai a vomitare.


E gli altri non capivano
sommersi dal troppo
e mangiavano e mangiavano
e sentivo l'orrendo crescere in loro.


Accadde un giorno,
che il mio corpo si purificò:
e ogni molecola di materia scomparve
e fui pulito.



Share |


Poesia scritta il 29/11/2017 - 00:25
Da girovago di periferia
Letta n.206 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


GIROVAGO.... Ele riconosce l'esperienza, Marilla bella strana, Maria con diplomazia fa fatica a capirla per me credo che tu sia diventato vegano è l'unica spiegazione. Di solito anche per fame il cibo è una gioia del palato e della vita. Se sono in errore spiegami tu.....

mirella narducci 29/11/2017 - 20:39

--------------------------------------

Spero tu mi perdonerai ma faccio
fatica a capire questa tua poesia.


A te un caro saluto
ciao


Maria Cimino 29/11/2017 - 20:28

--------------------------------------

***** bella. Strana.

Marilla Tramonto 29/11/2017 - 13:59

--------------------------------------

Riconosco l'esperienza. Immagini forti che mi hanno riportato a quei giorni terribili. Bello.

Ele Nicks 29/11/2017 - 11:46

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?