Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

NON ME LO SO SPIEGARE

Non me lo spiegare
E’ un dolore cosi’ forte che mi assale
Nel rumore del silenzio
Un enorme peso sul mio petto
Quando accenno ad un respiro...


Nella mia stanza non ci sono colori
Solo pareti bianche come recinto
Poi tutto intorno a me
Il dolore di nero dipinge...


Stretto forte nella morsa di quell’ agonia
Mentre il mondo vero e’ la fuori
Quel mio animo dannato
Ora pura follia
Chiudo la porta e dietro quel muro
Le mie persone care, i loro cuori...


Nella sofferenza in quella sua gabbia
Ora ne sono rinchiuso
Solida e di infinite catene costruita
Ogni errore una catena
Ogni istante da scontare
L’ ennesima pena...


Quando guardo nello specchio
Rivedo in quel suo riflesso
Quella mia controfigura
E per un attimo quella vera
In me riaffiora...


Provo allora a pensare
A qunto quel mio male
Fa male
Ma forse ancor di piu’
Alle mie persone care
E quel mio scappare nel restare...


Al centro della mia essenza
C’e’ ancora una piccola fiamma non ancora spenta
E nel suo ardore
C’e’ la chiave della speranza
Di una nuova ripartenza...


Dove sciogliere quelle mie pene
Aprire tutte le catene
Alzare gli occhi miei al cielo
Su di me il calore delle mie persone care
Per non sentire piu’ quel gelo
Ma un caldo abbraccio di quelle stelle...



Share |


Poesia scritta il 03/07/2013 - 21:35
Da Alessandro Faccini
Letta n.442 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?