Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittÓ...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lÓ della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchý scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL SOGNO DI UN VISIONARIO

L'oscuritÓ scende, lo spazio infinito,
scompare il tuo mondo, come d'incanto,
l'effimero tempo svanisce sperduto,
come un vagabondo sei rintontito.


E vaghi tra campi mai calpestati,
rimembri gli inverni, gli autunni, le estati,
un mondo diverso si para di fronte,
ti vedi sbiadito ai piedi di un monte.


E' sogno o realtÓ, che pianeta sarÓ?
Una galassia neonata ai piedi di un tram?
Un sole radioso che gioca col tempo,
ti scopri neonato di nuovo, fuggendo.


L'onirico ti si presenta davanti,
gli esseri anomali qui sono tanti,
il parallelismo un po' ti spaventa,
non Ŕ la realtÓ in cui vivi, pi¨, questa.


Se un po' ti sgomenta, un po' anche ti alletta,
quest'essere vivo in modo diverso,
ti guardi qui intorno e non vuoi faticare
a credere che non Ŕ pi¨ il tuo dovere.


E incontri persone sparite da un po',
ti parlano o ridono? Io non lo so!
E cerchi invano di riabbracciarle,
spariscono in fretta se tir isvegli.


E un senso di mistero ti prende,
puoi urlare, scappare: non servirÓ a niente,
se vuoi viverla ancora intensamente
lascia la ragione: lý non vale niente!


La morte Ŕ un sogno, e lo Ŕ anche la stessa vita.



Share |


Poesia scritta il 30/11/2010 - 18:12
Da Manuel Miranda
Letta n.401 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?