Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Culoria t'na vota

Ci penzu a quann'iu era 'nu vagnoni
ca no' tineva mancu sett'ott'anni,
mi pari chiaru ca la divuzioni
ti tannu era, 'ncunfrontu a mu', cchiù granni.


Tifatti, ti la Sittimana Santa
m'ni sceva 'nziem'a lli cumpagni mia
a visità' li chiesi e , ognittanta,
prïàva sia Gesù e sia Maria


Ti lu Sàbbutu Santu poi la sera
ni ccucchjammu pi sciri alla Culoria,
'na cosa cussì bbella e tantu vera
ca reshta sempri intra la mimoria.


Ni priparammu tutti 'nu shtrumentu:
trènala, tricchi-tracchi o tammurrieddu
pi ffari feshta a cuddu gran mumentu
sia cu lu cori cce cu lu cirvieddu.


Quannu 'rrivava poi la menzanotti
lu sacrishtanu azzava lu lanzulu
e, mentri si sparavunu li bbotti,
Gesù si ni vulava sulu sulu.


Allora ognunu usava lu shtrumentu
e gritava: "Culoria a Te, Signori!".
Iu, tannu, mi sinteva cchiù cuntientu,
percé m'anchjeva ti Divinu Amori.


E tutti li crishtiani com'a mme,
'nginucchiati cu tanta divuzioni,
'uardavunu Gesù, lu Re t'li Re,
cá già era Pasca ti Risurrezioni.


È Pasca, forza anchjti li canishtri!
Anchjt'li cu ogni bbeni t'lu Crïatu!
Ludati Diu cu piatti e cu li sishtri!*
Ludati Crishtu ca è risuscitatu!


*sistri: antichissimi strumenti a scuotimento
citati nel Salmo 150.


Questo era il Gloria che fino a cinque anni fa
si celebrava nel mio paese per festeggiare la
Pasqua di Resurrezione. Adesso è in disuso.



Share |


Poesia scritta il 16/04/2014 - 11:09
Da Giuseppe Vita
Letta n.443 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?