Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
Incipit d'un sogno...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
UN SALUTO...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...
Immagine Marina...
Per te...
Verrò....
POESIA DI NEVE...
DOLCE TORMENTO...
L’innocenza del carn...
Le burla di Cappucce...
In paradiso...
un guizzo…....
IL CAPRO ESPIATORIO ...
Io e il blu...
Troppi anni dopo......
Nevica...
Le lune di Dalla...
RIFLESSIONE - ORME F...
DONARE SE STESSI...
oasi...
Il destino del però...
Dove sei ora...
SARO' PER TE ...
SENTIMENTO...
Il torto del padre...
ho vagabondato in ce...
Pensieri d'Amore...
Piccola chiave...
Anche le bugie posso...
Così amo...
PRIMAVERA DENTRO ME...
La via di casa....
Riflessi...
L'inizio di una gran...
La nebbia negli occh...
L unione degli eleme...
Un ultimo gesto....
Se...
Niente fretta, Auré!...
La promessa...
Daiee!...
Il Carisma...
Ninna Nanna...
CORALLINA...
ANGELI...
Giochi di fantasia...
ECO INFINITO.......
CLOWN...
Questo strano. Senti...
Gocce d’acqua...
Solo un sorriso...
Fiori Liberi...
La vita mi schiocca ...
Girotondo tra le ste...
LA LUNA NON SI SPEGN...
Milano vanesia...
Guarderò la luna mor...
Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...
Ruderi ricordi...
Quando tu......
Buon Natale a tutti,...
LA MIA CANZONE...
Avrai......
A Natale si assapora...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Poema

Ah opulenta fanciulla
che t’inerpichi fra i filamenti del mio lamento
e biascichi al vento ninnenanne di morti,
mi spingi verso un confine sconosciuto
dove esequie ed effigi dorate si alternano all’oblio.
Ho oscurato i pensieri con manti di avi
che hanno combattuto d’onore
ma io non sono mai stato un degno soldato,
non ho lasciato gli occhi tra i seni di Coppelia
né bevuto il veleno di Giove.


Com’è cruento quest’apolitico rimorchio di leggi
che scavano come tarli tra i semi del cuore,
e non fu un dio a liberarci dalle ossessioni
ma la follia ci diede in dono una spada,
una lucente piaga tra le mani annerite.
Portammo stole di sacerdoti ignari
e demmo ai figli di Gerusalemme
le chiavi delle messe profane.


“Aprite le terre,
derubate le fortezze
voi generali sconvolti da battaglie infami!”


Poi le lingue furono dolci vipere di sinedri
e tu, amata creatura dai capelli invecchiati,
mi davi le spighe di prati modesti
ed io non guardavo oltre i tuoi occhi
e il tuo pensiero faceva nodi sui miei capelli,
seppelliva il respiro e benediva il mio cuore
con pulsazioni defunte.


Amami ora che la notte ha chiamato gli dei.
Amami qui sul fango di Minerva.
Butta ogni censura tra le mie mani inermi,
sarà l’apocalisse che danzerà sui demoni!


Noi saremo linee di papaveri,
daremo forza a blasfeme poesie
noi saremo l’attimo di pioggia
addormentato in una rosa.



Share |


Poesia scritta il 28/07/2014 - 05:25
Da LUCA SANTO
Letta n.267 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?